Messa in luce delle carico secondario di blocchetti lapidei (foto di Massimo Capulli)

Si è conclusa anche quest’anno la quarta campagna di archeologia subacquea sulla nave lapidaria di epoca imperiale sepolta nei fondali di Kamarina, in provincia di Ragusa (Sicilia). A luglio, l’Unità di archeologia subacquea (UAS) dell’Università di Udine ha concentrato nuovamente le proprie ricerche nella baia di Kamarina, dove è stata individuata e messa in luce l’intera fiancata...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati