Garantire che il settore culturale e creativo benefici di un sostegno adeguato attraverso InvestEU, il nuovo programma comunitario per sostenere gli investimenti e l'accesso ai finanziamenti dal 2021 al 2027. È quanto chiedono 26 organizzazioni europee dei settori culturali e creativi in una lettera indirizzata ai commissari europei Thierry Breton (Mercato interno) e Paolo Gentiloni (Economia). “Il programma - denunciano le organizzazioni - sta affrontando gravi tagli che potrebbero avere un impatto drammatico sulla capacità delle imprese culturali e creative di accedere ai finanziamenti”. I firmatari della lettera ricordano che il Parlamento europeo ha recentemente chiesto che il 2% del Piano per la ripresa sia destinato al settore culturale e creativo e - sottolineano - allo stesso modo “una determinata percentuale del fondo InvestEU dovrebbe essere destinata al settore”. Le 26 organizzazioni esortano quindi l’Unione europea a “garantire che un budget adeguato del programma sia destinato all’industria culturale”. Hanno firmato la lettera alcune delle più importanti reti europee del settore, tra cui Culture Action Europe, European Music Council, European Audiovisual Production, European Festivals Association ed Eurocinema.

 

Articoli correlati