“Nella manovra ci sono risorse importanti per il comparto dell’industria e dei settori culturali che sono importantissimi e particolarmente colpiti dalle conseguenze della pandemia”. Lo ha detto il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi insieme al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. “Ci sono 4 miliardi in un fondo per sostenere i settori più colpiti dalla crisi economica e quelli che avranno un impatto che verosimilmente si prolungherà anche nei primi mesi del 2021, come il turismo e i trasporti”, ha aggiunto il titolare del Mef. 

Conte ha così presentato la manovra: “Vale 39 miliardi. Ci sono risorse significative per aiutare i settori più colpiti e prevediamo un ulteriore rifinanziamento, un nuovo ciclo di cig”. La manovra “ha due obiettivi: sostegno e rilancio dell'economia. Non prevediamo un aumento di tasse, è un indirizzo politico da mantenere fino all'ultimo. Abbiamo elaborato un progetto che guarda a restituire fiducia e sviluppo al Paese”, ha proseguito il premier che ha aggiunto: “La manovra guarda anche al lungo periodo, dà forza a investimenti pubblici e incentiva investimenti privati, ospitando anche le misure del Recovery Fund. I lavori del piano di resilienza procedono speditamente, ogni euro che spendiamo dovrà creare lavoro e sviluppo per le prossime generazioni”.

 

Articoli correlati