"E’ partita dalla Pineta di Pompei e, come tutte le epidemie non gestite, ha travalicato i confini regionali. La cocciniglia tartaruga si sta espandendo in maniera esponenziale nell’area romana. La Riserva Nazionale del Litorale Romano è gravemente attaccata, focolai all’Eur, alla Pineta Sacchetti, a Saxa Rubra, Monte Antenne e lungo tutto il perimetro del Raccordo Anulare. Anche le alberature nei giardini privati di Roma cominciano a dare i primi segni dell’attacco. Italia Nostra Roma, lo ripetiamo, quasi un anno fa ha lanciato un poderoso allarme sul rischio epidemia Cocciniglia Tartaruga. Mai avuto riscontro ufficiale. A distanza di quasi un anno è stato lanciato da Italia Nostra Roma un allarme rosso con la raccolta firme “SOS #AlberiNostri salviamo il paesaggi di Roma” che ha visto una grande partecipazione di singoli cittadini, associazioni e comitati di quartiere".

Italia Nostra Roma "ha messo in grande evidenza il gravissimo rischio dei pini di Roma e del suo territorio: un milione di Pini in pericolo. Il Comitato Fitosanitario Nazionale, presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, ha predisposto le “Linee Guida” assolutamente necessarie ma non sufficienti per arginare la diffusione a macchia d’olio della Cocciniglia Tartaruga. I Ministri competenti, Teresa Bellanova e Sergio Costa, non hanno fatto sentire chiare, nette e forti le loro voci per arginare un’epidemia che rischia, se non lo è già, di diventare una pandemia ambientale. Già devastata la Campania, già devastato il Lazio. E’ triste constatare che la salvaguardia dei Pini e quindi del paesaggio per chi ci governa non abbia lo stesso valore del salvare gli ulivi e i kiwi". 

"Con la stessa determinazione con cui si sono circoscritte altri tipi di patologie vegetali così Italia Nostra Roma chiede ai Ministri Bellanova e Costa di dichiarare: la lotta obbligatoria conservativa alla Toumeyella Parvicornis e di avviare immediatamente le cure urgenti con l’endoterapia e, per esempio con Abamectina che ha già dato ottimi risultati, ove applicata. Chi deve parli ora, prima che sia troppo tardi!!!". 

 

Articoli correlati