“Si deve proseguire sulla strada di incentivare le forme di turismo legate alla natura, ai cammini, ai borghi, alle ciclovie e alle ferrovie dismesse. La valorizzazione delle aree interne crea occupazione e reddito e favorisce una migliore distribuzione dei flussi turistici. Gli stessi Comuni e le Pro Loco sono molto interessati alla valorizzazione del loro territorio”. Lo ha detto Maurizio Davolio, presidente dell’Aitr - Associazione italiana turismo responsabile, nel corso di un’audizione presso la commissione Industria e Turismo del Senato.

“Si tratta di un turismo sano e attivo e di interrelazione tra la popolazione locale e i visitatori – ha aggiunto Davolio -. Tutte le normative devono andare verso uno sviluppo turistico sostenibile, anche perché è un tema compatibile con le linee guida del Recovery Fund nella parte riguardante la green economy”. 
 

 

Articoli correlati