“La fase complessa che stiamo vivendo ci impone di ripensare ciò che sarà il turismo di domani. Questa crisi ha accelerato cambiamenti che riguardano da vicino anche il turismo archeologico. Pensiamo al rapporto tra i territori, al turismo di massa, alla gestione di grandi volumi, alla fragilità stessa di molte nostre ricchezze che vanno per queste tutelate, ma allo stesso tempo valorizzate,...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati