Il paese distrutto dal terremoto, Serino (AV), P. Ciambelli, 1981

Il 23 novembre del 1980 una violenta scossa tellurica devastò l’area dell’Appennino campano-lucano causando circa 280mila sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti. Quel terremoto trasformò irrimediabilmente decine e decine di paesi e comunità che, custodi di un patrimonio culturale inestimabile per lo più sepolto dalle macerie, da quarant’anni fanno i conti con i ritardi dei soccorsi e gli...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati