"É una perdita di ricchezza per la comunità non essere riusciti a trovare una soluzione che rispettasse i diritti della proprietà e consentisse allo stesso tempo la continuazione dell’esperienza e delle attività in quel territorio, nel rispetto delle regole. Lo sgombero disposto dalla prefettura mette in evidenza questo fallimento”. Così il Vicesindaco di Roma con delega alla Crescita culturale Luca Bergamo in merito allo sgombero del Cinema Palazzo avvenuto questa mattina. “Le persone che hanno fatto vivere il Cinema Palazzo fino ad oggi hanno svolto una funzione sociale e culturale importante, in un quartiere che soffre la pressione di una piccola criminalità aggressiva - prosegue Bergamo -. Ne hanno fatto un luogo di interesse culturale della città, anche con sala di spettacolo integrata nella vita di un quartiere storico di Roma, ma violando diritti privati che la decisione della prefettura ripristina. Ritengo che la struttura debba essere soggetta a un vincolo culturale e rimanere parte integrante degli spazi che rendono la città viva anche se tornata in possesso della proprietà e che serva trovare una sede idonea nel quartiere perché l’esperienza sia continuata".

 

Articoli correlati