In piena emergenza sanitaria e in un periodo che vede il settore della cultura italiana in difficoltà dovuta alla chiusura dei principali siti artistici e dei musei, nasce un’iniziativa promossa dal Mibact, attraverso la Direzione Generale Musei ed organizzata da EY con il supporto di Invitalia – Agenzia Nazionale per lo Sviluppo, per la selezione delle startup che parteciperanno a inizio 2021 alla Maratona Creativa intitolata “ARTathlon – Arte in movimento”. 

Un percorso di approfondimento, quello avviato dal Mibact, sulle nuove tecnologie in grado di fronteggiare le sfide del futuro per un settore fortemente danneggiato dall’emergenza coronavirus e che ha bisogno di ridefinire il proprio rilancio ed un nuovo sviluppo. Il programma, condiviso e sostenuto dalla Direzione Generali Musei, ha l’obiettivo di confrontarsi con un’iniziativa di open innovation partendo dallo sviluppo di soluzioni che, sfruttando tecnologie emergenti come Blockchain, AR/VR, AI e IoT, vadano a supportare il Mibact nel duplice obiettivo di abilitare una narrazione dell’esperienza museale innovativa ed avvicinare i giovani al mondo dell’arte. Una selezionata rappresentanza di start-up, esperti del settore provenienti dal ministero, dai Poli museali ed archeologici ed esperti dell’Innovazione avranno pertanto l’opportunità di lavorare a stretto contatto mettendo a fattor comune le diverse esperienze al fine di concretizzare le idee migliori e farle diventare possibili prototipi di soluzione.

Oggi, mercoledì 16 dicembre, si è svolto virtualmente il primo workshop di co-creazione che ha visto le dodici start-up partecipanti, coadiuvate dagli esperti di settore, rispondere alla sfida individuata dalla Direzione Generali Musei in collaborazione con EY. Tutte le idee sottoposte nel corso della giornata odierna verranno valutate e le migliori start-up verranno invitate a partecipare alla fase finale del programma, che si concretizzerà nell’evento finale del prossimo gennaio 2021. Artathlon rappresenta un ulteriore passaggio nel percorso di valorizzazione dei Beni Culturali, e intende inquadrarsi tra quelle iniziative di stimolo al cambiamento e all’innovazione che il Mibact ha posto alla base delle proprie politiche di riorganizzazione.

 

Articoli correlati