“Il 9 gennaio scorso, lette le prime indiscrezioni di stampa secondo le quali la ricchissima biblioteca e l’archivio personale di Umberto Eco perverranno a breve allo Stato in parte per acquisto (i libri antichi) e in parte per donazione (gli oltre 30.000 volumi più recenti), ma poi gli uni prenderanno la strada della biblioteca Braidense e gli altri quella di Bologna, ho chiesto chiarimenti...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati