Sarà possibile entro il 23 gennaio presentare domanda per partecipare alla procedura per il conferimento di undici incarichi dirigenziali di livello non generale, da assegnare anche ad interim. Così stabilisce una circolare della Direzione generale Archivi del Ministero per i Beni culturali pubblicata con avviso sul sito istituzionale del Ministero lo scorso 13 gennaio. 

Gli incarichi saranno assegnati negli Archivi di Stato di Ancona, Como, Pavia, Varese, Brindisi, Reggio Emilia, Siracusa, Isernia, Vibo Valentia, Pescara e Frosinone.
Le istanze di conferimento, corredate dal curriculum vitae e dall’eventuale scheda di valutazione dirigenziale relativa all’ultimo triennio, dovranno essere inviate alla all’indirizzo dg-a@beniculturali.it.

Gli incarichi negli Archivi di Stato di Varese e di Brindisi sono disponibili a partire dal 1° febbraio 2021, quello presso l'Archivio di Stato di Reggio Emilia dal 1° marzo 2021 mentre gli incarichi negli Archivi di Stato di Isernia e Vibo Valentia risultano disponibili dal 1° aprile 2021. Per l'incarico presso l'Archivio di Stato di Siracusa la disponibilità riportata dall'avviso è dal 9 marzo 2021, per l'Archivio di Stato di Pescara dal 5 aprile 2021 e per l'Archivio di Stato di Frosinone dal 25 aprile 2021.

CONFERIMENTO DELL’INCARICO

Il conferimento, anche ad interim, potrà avere una durata di tre anni o durata inferiore. Si terrà conto, per questo, dell’”interesse pubblico prioritario di individuare per la sede il funzionario avente le competenze e le capacità professionali più idonee a garantire l’ottimale ed efficace svolgimento delle funzioni”.

Nella valutazione delle domande, si considereranno inoltre la complessità della struttura, le attitudini, le esperienze, i percorsi formativi e le competenze scientifiche maturate nel settore archivistico del funzionario. Potranno partecipare alla selezione i funzionari di area terza interessati. Ammessi alla selezione anche coloro che siano già titolari di direzione di Archivio di Stato non dirigenziale, “interessati anche ad un incarico ad interim”. Qualora nell’esame delle candidature, non fosse possibile selezionare un funzionario di area terza a cui affidare l’incarico, la Dg Archivi procederà a selezionare un funzionario archivista di area terza già titolare di sede.

Il decreto di conferimento dell’incarico recherà la valutazione comparativa rispetto alle candidature inviate e le motivazioni dell’affidamento dell’incarico.

Per garantire la continuità dell’azione amministrativa, l’incarico verrà affidato al direttore uscente o al funzionario archivista di Stato più anziano secondo l’ordine di ruolo fino a che non verranno completamente espletate le procedure di nomina del nuovo titolare dell’incarico.

Approfondimenti

 

Articoli correlati