“Durante la conversione in Senato del decreto legge n. 101 del 3 settembre 2019, recante ‘Disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali’, fu approvato e poi stralciato l'emendamento 15.0.13, che prevedeva la soppressione dell'Associazione italiana alberghi per la gioventù (AIG) e conseguentemente costituiva l'ente pubblico non economico denominato Ente italiano alberghi per la gioventù (EIG), sottoposto alla vigilanza del Presidenza del Consiglio dei ministri, in ragione delle competenze esercitate in materia di politiche per la gioventù”. Lo ha detto il sottosegretario alle Politiche agricole, Giuseppe L’Abbate, rispondendo nell’Aula del Senato a due interrogazioni presentate da Eugenio Comincini (Iv) e Paola Binetti (FI-Udc). 

“Il nuovo ente EIG sarebbe entrato a far parte degli enti di promozione economica, con una nuova dotazione organica di 57 unità. Inoltre, veniva prevista la nomina di un commissario straordinario al fine dell'adeguamento statutario e per consentire l'ordinato trasferimento dei beni e delle funzioni al nuovo ente, nonché per la definizione dei rapporti pendenti in capo all'AIG – ha proseguito L’Abbate -. Gli oneri che lo Stato avrebbe sostenuto a decorrere dal 2020 sarebbero stati pari a 1,7 milioni di euro all'anno. Il Governo, oggi come un anno fa, è disponibile a valutare positivamente un'analoga proposta normativa per affrontare e risolvere l'attuale situazione dell'Associazione italiana alberghi per la gioventù e salvaguardare le attività e le funzioni che questa svolge”.
 

 

Articoli correlati