“Cosa cambia dopo questa situazione che ci ha travolto? Innanzitutto c’è la piena consapevolezza che il ParCo dovrà sempre più connotarsi come un’officina di cultura, aperta alla società civile e alle istituzioni e deve essere un luogo di benessere. Se la comunità condivide i nostri valori è più disposta a sostenere le nostre attività”. Lo ha sottolineato la direttrice del Parco...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati