Il 30 gennaio 2021 si terrà la prima Conferenza dei Comitati Scientifici Nazionali di ICOMOS Italia. Il Convegno sarà l'occasione per illustrare i temi che verranno sviluppati nel biennio 2021-2022. L'iniziativa, che si realizzerà in modalità virtuale, è il primo appuntamento di un calendario di eventi che si svolgeranno durante tutto l'anno. Parteciperanno oltre 100 esperti, tra professionisti e ricercatori del settore, impegnati nella conservazione e gestione dei monumenti e dei siti di interesse culturale. Sono previsti interventi dei coordinatori dei Comitati Scientifici, raggruppati per aree tematiche proposte dal Consiglio: Conoscenza; Tecnologia e diagnostica; Materiali; Applicazioni e categorie regionali; Territori e turismo culturale; Comunicazione, valutazione e gestione.

"Si tratta della necessità, sempre più urgente e ampiamente sentita, di proporre modelli di intervento, per creare sinergie di ricerca e collaborazione allo scopo di innescare meccanismi virtuosi e risposte alle diverse sfide attuali di monumenti e siti, soprattutto in questo momento di grave emergenza", ha dichiarato Maurizio Di Stefano, Presidente di ICOMOS Italia.

ICOMOS: International Council on Monuments and Sites, è un'organizzazione internazionale non governativa fondata nel 1965. La sua missione è promuovere la conservazione, la protezione, l'uso e la valorizzazione di monumenti, complessi edilizi e siti, anche mediante attività di formazione ed il coinvolgimento di ricercatori e professionisti con background diversi e complementari, grazie alla propria rete mondiale di 11.000 membri provenienti da oltre 150 paesi (www.icomos.org). È, inoltre, organo consultivo dell'UNESCO per l'attuazione della Convenzione del Patrimonio culturale e naturale mondiale del 1972, insieme all’ICCROM e allo IUCN. In tale veste l’ICOMOS è, in particolare, responsabile della valutazione dei siti culturali candidati all’iscrizione sulla Lista del patrimonio culturale e naturale mondiale.

In questo scenario, ICOMOS Italia ETS (Ente del Terzo Settore), come si configura nel contesto nazionale, pone particolare attenzione alla promozione di una rete per la disseminazione di buone pratiche e al supporto ai giovani professionisti. ICOMOS Italia contribuisce a documenti internazionali di orientamento operativo e di regolamentazione sui beni culturali con specifico riferimento ai siti del patrimonio culturale e immateriale riconosciuti dall’UNESCO. Tra i più recenti, la risoluzione 20 a GA 2020/18 sui “Principi di qualità per gli interventi finanziati dall'UE che hanno un potenziale impatto sul patrimonio culturale”. La risoluzione è stata redatta in collaborazione con ICOMOS Irlanda e il Gruppo Europa nell'ambito delle iniziative dell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018 ed è stata approvata dalla 20 a Assemblea Generale dell'ICOMOS.

 

Articoli correlati