Un genio italiano dell’architettura mondiale: Aldo Rossi. Un grande artista tutt’oggi fonte di ispirazione per molti creativi: Giacomo Balla. Un maestro assoluto della fotografia: Sebastião Salgado. Due importanti protagonisti della scena artistica internazionale: Thomas Hirschhorn e Cao Fei. Una riflessione sui temi del nostro tempo nel progetto Una Storia per il Futuro. Dieci anni di MAXXI, la coinvolgente mostra/installazione pensata per il decennale del museo e nella collettiva dedicata alla scena artistica contemporanea dei Paesi della ex Jugoslavia. E ancora: un viaggio nell’architettura al femminile a partire dal ‘900, la nuova partnership con Swatch Art Peace Hotel e i 10 anni del consolidato Progetto Alcantara MAXXI, i focus su Navin Rawanchaikul, Luca Vitone, Scarpa e Olivetti, la fotografia del Premio Graziadei, The Independent, la Videogallery, la performance Gardien Party 2020, attenzione ai giovani talenti a partire dal MAXXI BVLGARI Prize, anche per sostenere e promuovere le comunità artistiche post pandemia. E, quando possibile, l’attesissima apertura di MAXXI L’Aquila: il museo è pronto e la mostra inaugurale allestita.

Il Museo nazionale delle arti del XXI secolo riapre le sue porte con un eccezionale programma di mostre, focus e progetti speciali, accompagnati da un ricco public program e da tante attività educative per bambini, studenti e famiglie, online e in presenza. Il programma e le novità 2021 sono stati presentati da Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI, Hou Hanru, Direttore artistico del MAXXI, Margherita Guccione, Direttrice del MAXXI Architettura; Bartolomeo Pietromarchi, Direttore del MAXXI Arte e dal team curatoriale del museo. Vicini al MAXXI anche in questa occasione con un video messaggio: Francesco Starace,  Amministratore delegato e Direttore Generale di Enel; Carlo Giordanetti, CEO the Swatch Art Peace Hotel; Jean-Christophe Babin AD del Gruppo Bvlgari; Andrea Boragno, Presidente e AD Alcantara.

Dice Giovanna Melandri: “Il MAXXI è stato chiuso ma non si è mai spento: con il palinsesto online abbiamo portato il museo nelle case delle persone, mentre continuavano i preparativi per le nuove mostre. Ora i visitatori stanno tornando al museo, in sicurezza e con il desiderio di ripartire dalla bellezza per rigenerare la mente e lo spirito, perché la cultura è una medicina dell’anima. In questo momento in cui non si può ancora viaggiare, al MAXXI è possibile incontrare il mondo, allargare gli orizzonti, superare confini e barriere con le visioni degli artisti. Ci auguriamo di poter aprire al più presto anche il sabato e la domenica, per consentire le visite a chi durante la settimana lavora e per contribuire a creare una socialità responsabile e regolata, alternativa all’assembramento nelle strade. Ringrazio i nostri soci fondatori MiBACTe Regiobne Lazio, tutti gli sponsor che, anche in questo momento difficile per la cultura, hanno fiducia nel MAXXI: Enel in primis, nostro socio e partner storico che ci accompagna in tutte le iniziative importanti e che con il progetto di efficientamento energetico ci ha aiutato a diventare un museo più sostenibile. E poi Banca d’Italia per lo straordinario progetto Casaballa, Swatch Art Peace Hotel che ci affianca da quest’anno, Bvlgari e Alcantara, solo per citarne alcuni”.

Mostre in corso

Tante le mostre che hanno accolto i visitatori alla riapertura del museo, a partire da senzamargine. Passaggi nell’arte italiana a cavallo del millennio, l'importante allestimento della collezione con opere di nove maestri imprescindibili dell’arte italiana contemporanea, tutt’oggi punto di riferimento per le generazioni più giovani: Carla Accardi, Luciano Fabro, Luigi Ghirri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Paolo Icaro, Jannis Kounellis, Anna Maria Maiolino, Claudio Parmiggiani e Mario Schifano (fino a gennaio 2022).

Esposte fino al 2 maggio le opere dei finalisti della seconda edizione del MAXXI BVLGARI Prize, il progetto per il sostegno dei giovani talenti: lento-violento, la potente installazione di sculture zoomorfe di Giulia Cenci, A Week’s Notice, l’installazione video di Tomaso De Luca, ode alla libertà e alla diversità; Roma e Fiumi, progetto dedicato alla città eterna di Renato Leotta, composto da dodici film girati in pellicola 16 mm. L’opera del vincitore entrerà nella Collezione MAXXI.

Prorogata per tutto il mese di febbraio anche Isaac Julien. Lina Bo Bardi – Un meraviglioso groviglio, l’emozionante, immersivo, caleidoscopico omaggio alla grande architetta italo-brasiliana dell’artista e filmmaker inglese Isaac Julien.

Prorogata fino al 7 marzo la mostra Giovanni Gastel. The people I like, con oltre 200 ritratti dell’anima di persone che il fotografo ha incontrato nella sua lunga carriera e che gli hanno trasmesso qualcosa: da Barack Obama a Marco Pannella, da Bebe Vio a Monica Bellucci, da Tiziano Ferro a Roberto Bolle.

Nuove Mostre, Focus e Progetti speciali del 2021

Si parte con Una Storia per il Futuro. Dieci anni di MAXXI, che Enel ha scelto di sostenere come main partner e che il 17 febbraio apre l’attività espositiva del nuovo decennio: una mostra non mostra a cura di Hou Hanru, immateriale, enciclopedica, immersiva, radicale, un dispositivo di ricerca frutto di un lavoro durato 2 anni. Le opere non sono presenti fisicamente ma sono evocate da immagini e parole nella loro vitalità e nell’interconnessione con i fatti del mondo, sottolineata dalla collaborazione con l’Ansa, e sono il punto di partenza per una storia per il futuro. L’allestimento è del celebre studio olandese Inside Outside di Petra Blaisse ed è stato realizzato con il sostegno dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi a Roma. Partner della mostra Almaviva, con il sostegno di Baleri, sponsor tecnici Davide Groppi e Gobbetto (fino ad agosto 2021).

Il 9 marzo inaugura l’attesissima Aldo Rossi. L’architetto e le città, a cura di Alberto Ferlenga, realizzata in collaborazione con la Fondazione Aldo Rossi, sponsor Molteni&C e UniFor. In continuità con la monografica dedicata nel 2019 a Gio Ponti, il MAXXI celebra un altro grande maestro italiano dell’architettura mondiale, archistar ante-litteram, primo italiano a vincere nel 1990 il Pritzker Prize. In mostra oltre 800 pezzi tra documenti, carteggi, modelli, schizzi, disegni e fotografie, tra cui le immagini di celebri autori quali Gabriele Basilico, Luigi Ghirri, Antonio Martinelli, Ugo Mulas (fino a ottobre 2021).

Il 31 marzo apre la collettiva Più grande di me. Voci eroiche dall’ex Jugoslavia che attraverso le opere di oltre 50 artisti, a partire da Marina Abramović fino a Igor Grubic, Jasmina Cibic, Alban Muja, fino allo storico collettivo IRWIN, esplora il fermento artistico dei paesi dell’ex Jugoslavia e rappresenta una nuova tappa del filone di ricerca sul Medio Oriente e il Mediterraneo (fino a settembre 2021, a cura di Zdenka Badovinac e di Giulia Ferracci, curatrice associata, con la sponsorizzazione di Terna).

Grande attesa per Casaballa. Dalla casa all’universo e ritorno, l’eccezionale progetto che prende il via il 26 maggio. Nella Galleria 5, la più scenografica del MAXXI, ci sarà una mostra con lavori di Balla – disegni, oggetti, bozzetti, arredamenti - in dialogo con opere create appositamente da architetti, artisti e designer italiani e internazionali (tra cui Bêka & Lemoine, Carlo Benvenuto, Alex Cecchetti, Leonardo Sonnoli). Per l’occasione, sarà aperta per la prima volta al pubblico, ogni fine settimana per 5 mesi, la straordinaria casa di via Oslavia 39 a Roma, dove dal 1929 fino alla morte visse e lavorò il maestro del futurismo, trasformandola in una vera e propria opera d’arte con quadri e sculture, pareti dipinte, mobili e oggetti decorati, prove per il teatro e per la moda (fino a fine ottobre 2021, a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Domitilla Dardi). In collaborazione con Soprintendenza Speciale di Roma Archeologia Belle Arti e Paesaggio e con il supporto della DG Creatività Contemporanea – MiBACT e il contributo di Banca d’Italia.

A ottobre saranno protragonisti uno dei più grandi fotografi del nostro tempo, Sebastião Salgado, e un artista considerato tra i più importanti e controversi della scena internazionale, Thomas Hirschhorn.

All’inizio di ottobre apre Sebastião Salgado. Amazônia, realizzata in collaborazione con Contrasto e curata da Lélia Wanick Salgado. Per sei anni il fotografo ha viaggiato nell’Amazzonia brasiliana fotografando la foresta, i fiumi, le montagne e, soprattutto, le comunità indigene che ci abitano. Ora, per la prima volta, 200 immagini vengono mostrate al pubblico italiano, per accendere l’attenzione sulla necessità di proteggere quelle popolazioni che rischiano l’estinzione (fino a febbraio 2022). Potente, spiazzante, impressionante, The Purple Line di Thomas Hirschhorn apre nella seconda metà di ottobre. L'installazione è composta da una parete viola di 200 metri dove per la prima volta sono esposti tutti i lavori della serie dei Pixel-Collage, realizzati tra il 2015 e il 2017. Con queste opere, nate dal lavoro di ricombinazione di foto pubblicitarie e immagini di corpi mutilati, l’artista vuole responsabilizzare i nostri sguardi, troppo assuefatti a “pixelare” la realtà (fino a febbraio 2022, a cura di Hou Hanru e Luigia Lonardelli, con il sostegno di Institut Français).

Sempe a ottobre, nello Spazio Extra MAXXI le fotografie di Mario Giacomelli dialogano con i Cretti e le Combustioni di Alberto Burri nella mostra Mario Giacomelli e Alberto Burri. Fotografia e immaginario materico, mettendo in evidenza il legame tra i due artisti (fino a novembre, a cura di Bartolomeo Pietromarchi, Bruno Corà, Marco Pierini). A novembre Buone Nuove racconta l’evoluzione della professione di architettto a partire dal ‘900. Superata l’immagine stereotipata dell’architettto maschio capo indiscusso dello Studio, ora il panorama è più complesso, sempre più segnato dalla presenza femminile, di collettivi, coppie e gruppi guidati da progettiste: dalle pioniere come Eileen Grey, Charlotte Perriand, Lina Bo Bardi e Phyllis Lambert alle archistar come Zaha Hadid, Kazuyo SeJima, Elisabeth Diller, da Cini Boeri e Gae Aulenti a Francesca Torzo e Lucy Styles, vincitrici entrambre della prima edizione del Premio Italiano di Architettura indetto da MAXXI e Triennale Milano. La mostra è anche occasione per acquisire opere di giovani architette (a cura del MAXXI Architettura, fino ad agosto 2022, sponsor Groupama Assicurazioni).

Interazione tra realtà e fantasia, reale e virtuale, memoria e futuro caratterizzano la mostra Cao Fei. Supernova, dedicata a una artista tra le figure più di spicco della scena internazionale, al MAXXI dalla fine di novembre. La mostra, a cura di Hou Hanru e Monia Trombetta, presenta insieme ai due film Haze and Fog (2013) e La Town (2014), gli ultimi suoi lavori: Nova (2019), film di fantascienza che racconta la storia senza tempo di Hongxia, il quartiere in cui vive Cao Fei, reinventato e ambientato nel futuro; l’opera di realtà virtuale The Eternal Wave (2020) e Isle of Instability (2020), ultimo lavoro realizzato dall’artista nella sua casa a Singapore, in cui approfondisce le ripercussioni psicologiche della pandemia e dell’isolamento. Il progetto è realizzato in collaborazione con il Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato che, a fine ottobre, ospiterà una mostra su Cao Fei a cura di Cristiana Perrella.

Focus di Collezione

Il 9 marzo apre il focus dedicato a uno dei principali artisti contemporanei asiatici: Navin Rawanchaikul. Ciao da Roma, un nucleo di lavori che ritraggono la comunità dei migranti dell’Asia meridionale nella loro vita quotidiana a Roma e nel Lazio, tra cui un grande quadro che rielabora lo stile dei poster di Bollywood, l’industria cinematografica indiana  (fino a maggio 2021, a cura di Hou Hanru con Donatella Saroli, con un ringraziamento speciale al Concilio europeo dell’arte).

Il 29 aprile apre Scarpa/Olivetti. Brani di una storia condivisa, il focus che racconta la straordinaria collaborazione tra l’architetto e l’imprenditore, che ha visto nascere tra l’altro il celebre negozio di piazza San Marco a Venezia (fino a dicembre 2021).

Luca Vitone è protagonista del focus in Sala Gian Ferrari che si inaugura a giugno con il progetto Le stanze dell’imperatore, in collaborazione con Villa Adriana (a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Anne Palopoli, fino alla fine di agosto 2021).

Progetti Speciali

Il 9 marzo inaugura il Premio Graziadei, dedicato ai giovani talenti nella fotografia con le immagini di Rachele Maistrello e Alba Zari, che entreranno in Collezione MAXXI (fino ad aprile 2021). A settembre apre al pubblico la mostra dedicata al decennale dello Swatch Art Peace Hotel, la residenza d’artista inaugurata da Swatch nel 2011 a Shanghai dove artisti emergenti da tutto il mondo hanno la possibilità di vivere e lavorare immergendosi in una delle aree culturali più interessanti del sistema artistico internazionale (fino a novembre 2021).

A ottobre la performance teatrale Gardien Party di Mohamed El Kathib e Valérie Mréjen, coprodotta dal MAXXI con Roameuropa Festival in collaborazione con l’Institut Français, a cura di Anne Palopoli, presenta un racconto dei musei attraverso lo sguardo di 10 custodi, che dirottano la nostra attenzione dalle opere ai visitatori.

A novembre, apre la decima edizione del consolidato Progetto Alcantara MAXXI, che quest’anno vede lo studio internazionale Neri & Hu, con il progetto The expanded field, confrontarsi con uno dei massimi autori presenti nella Collezione del MAXXI Architettura, Carlo Scarpa (fino a gennaio 2022, a cura di Domitilla Dardi).

Continua The Independent, che nel 2021 propone una visione retrospettiva sulla storia del progetto di ricerca dedicato al pensiero e alle pratiche indipendenti ideato da Hou Hanru e curato da Giulia Ferracci ed Elena Motisi. The Independent Wall, la parete dedicata nel foyer Carlo Scarpa, prende così la sembianza di una pagina navigabile che ne esplora i diversi aspetti.

Ricco il programma della Videogallery, con la rassegna After Us curata dall’artista Julian Rosefeldt in collaborazione con Fondazione In Between Art Film, l'omaggio al duo artistico Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi e Rewind the future, una selezione inedita dei documentari provenienti dagli Archivi video del MAXXI che raccontano alcuni dei momenti più significativi di questi primi dieci anni del Museo.

 

Articoli correlati