“La pandemia ha mostrato il ‘re nudo’, stiamo facendo i conti da mesi con l’evidenza dell’estrema fragilità del lavoro culturale nel nostro paese. Un mondo caratterizzato da tantissima precarietà, da un uso sistematico del lavoro nero e senza tutele. In tutte le interlocuzioni che abbiamo avuto ci siamo sempre detti che questa pandemia deve essere l’occasione per una vera riforma...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati