“Dopo i 50 milioni, destinati dal Ministero della Cultura al settore musicale, ai live club, ai concerti, agli autori, ad artisti interpreti ed esecutori, ora serve, che all’interno del ministero ci sia una specifica attenzione per la musica contemporanea e per i luoghi che ne promuovono la diffusione e lo sviluppo. In gara al Festival di Sanremo c’erano ben 14 artisti, provenienti dai live...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati