“Non sarebbe male se, nel quadro del Piano nazionale di ripresa e resilienza, il ministro Franceschini prevedesse l’istituzione di una scuola di alta formazione lirica e incoraggiasse (per non dire obbligasse) fondazioni, teatri e festival a privilegiare gli interpreti italiani”. E’ la proposta avanzata da Andrea Cangini, membro della commissione Cultura del Senato e responsabile Cultura...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati