La commissione Cultura del Parlamento Europeo ha approvato all'unanimità, senza emendamenti, il progetto di raccomandazione per la seconda lettura del regolamento che istituisce il programma Europa Creativa 2021-2027. “Un passo importante e necessario prima dell'ultimo step previsto per la prossima plenaria di maggio” e “un voto importante che conferma la volontà del Parlamento di dare avvio al nuovo programma, con l'uscita dei primi bandi per il 2021”, commenta l’eurodeputato italiano Massimiliano Smeriglio (S&D), relatore per il programma che coinvolge i settori culturali e creativi dell’Unione Europea. “L'accordo è stato raggiunto a dicembre 2020, dopo un negoziato non sempre semplice e che ha visto il Parlamento negoziare con due presidenze”, sottolinea l’eurodeputato “ma abbiamo potuto raggiungere risultati importanti per la nuova programmazione che, innanzitutto, beneficerà di un budget rafforzato”, con circa 2,24 miliardi di euro per i prossimi sette anni. “Un aumento significativo del bilancio era una delle principali priorità del Parlamento, ed è diventata particolarmente rilevante in seguito alla pandemia, alla luce degli effetti sui settori creativi e culturali. Un aumento del budget che consentirà anche di sviluppare i ulteriormente il filone cross-settoriale, con azioni specifiche a sostegno del settore dei media”, conclude.

 

Articoli correlati