Foto Unesco

L'Unesco, il governo dell'Iraq e il Ministero della Cultura e della Gioventù degli Emirati Arabi Uniti, presenteranno il 21 maggio a Venezia la mostra sul progetto “Revive the Spirit of Mosul”, come evento collaterale alla 17a Mostra Internazionale di Architettura che sarà aperta al pubblico dal 22 maggio al 21 novembre. Interverranno Noura Al Kaabi, Ministro della Cultura e della Gioventù degli Emirati Arabi Uniti, Audrey Azoulay, Direttore Generale dell'Unesco. La mostra “Revive the spirit of Mosul” presenta la millenaria tradizione di coesistenza pacifica dell'antica città e getta luce sulla resilienza delle diverse comunità di fronte a eventi traumatici. La ricostruzione del complesso di Al-Nouri, componente emblematica dell'iniziativa Revive the Spirit of Mosul, è stata oggetto di un concorso di architettura il cui progetto vincitore e i secondi classificati sono stati annunciati il 15 aprile al Museo Nazionale di Baghdad.

"La ricostruzione del complesso della Moschea di Al-Nouri, un sito storico che fa parte del tessuto e della storia di Mosul, segna una pietra miliare nel progresso della riconciliazione e della coesione sociale della città distrutta dalla guerra", ha dichiarato il direttore generale dell'Unesco Audrey Azoulay. Nel febbraio 2018 la Azoulay aveva lanciato "Revive the Spirit of Mosul", una delle più grandi operazioni dell'Organizzazione negli ultimi anni.  Centrale in questa iniziativa è il progetto di ricostruzione dei punti di riferimento storici di Mosul. Finanziato dagli Emirati Arabi Uniti, il progetto da 50 milioni di dollari mira anche a far rivivere la vita culturale e la diversità della città. In sinergia con questo progetto su larga scala, l'Unesco sta anche recuperando una serie di case storiche nella città vecchia di Mosul con il sostegno dell'Unione europea.

 

Articoli correlati