“Il periodo della pandemia ha fatto emergere il forte affetto per i musei e i siti culturali, allo stesso tempo ha imposto una riflessione sul modo in cui i visitatori fanno uso dell’offerta culturale, sia da remoto che in presenza, ma anche sulla redistribuzione dei flussi di visitatori nazionali e stranieri dagli attrattori più famosi a quelli meno conosciuti". In quest'ottica, "la costruzione...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati