Via libera dalla Camera al Dl Riaperture, con 384 voti favorevoli, 39 contrari e 5 astenuti. Il provvedimento passa ora al Senato per la seconda lettura. Il testo prevede che lo svolgimento, in zona gialla, degli spettacoli aperti al pubblico e degli eventi sportivi, è consentito, a decorrere dal 26 aprile, nel primo caso, e dal 1° giugno, nel secondo, esclusivamente con posti a sedere preassegnati, purché sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro e nel rispetto di determinati parametri e linee guida. La capienza consentita per gli spettacoli non può essere superiore al 50 per cento di quella autorizzata. Il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 1.000 per gli spettacoli o gli impianti all’aperto e a 500 per quelli in luoghi chiusi. Restano in ogni caso sospesi gli spettacoli ove non sia possibile assicurare le predette condizioni, nonché le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati.

Viene poi stabilito che in relazione all’andamento della situazione epidemiologica può essere stabilito un diverso numero massimo di spettatori, nel rispetto dei principi fissati dal Comitato tecnicoscientifico, con linee guida idonee a prevenire o ridurre il rischio di contagio. Inoltre, si conferma nelle zone gialle l’apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, nonché delle mostre, limitando la necessità di prenotazione preventiva, relativamente al sabato e ai giorni festivi, per l’accesso agli istituti e ai luoghi della cultura che nel 2019 hanno registrato un numero di visitatori superiore ad un milione.

 

Articoli correlati