“Rispetto all’elenco fatto di 170 opere, le opere sono già a oggi diminuite a 125 perché 45 sono state ritrovate, e qualcos’altro verrà ritrovato. I furti più importanti sono avvenuti a cavallo fra gli anni ’70-‘80 e l’inizio dell’anno 2000. In certi casi ho il forte sospetto che alcuni di questi furti siano stati commessi in base alle indicazioni di un basista. C’è stato...

Per visualizzare l'articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all'indirizzo marketing@agcult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgCult registrati alla Newsletter settimanale gratuita.
 

Articoli correlati