Riapre oggi, lunedì 12 luglio, all’interno della Neapolis di Siracusa, dopo quasi quarant'anni dalla chiusura, la Grotta dei Cordari che per tre secoli, e fino al 1983, ha rappresentato il luogo dove i siracusani hanno prodotto le corde con il sistema tradizionale della ruota a mano, favoriti in questo dalla naturale umidità e dall’ampiezza del luogo che permetteva loro di stendere le fibre vegetali e trasformarle in fili. La grotta, poco distante dall'Orecchio di Dionisio, si trova all'interno della "Latomia del Paradiso", nell’area monumentale della Neapolis di Siracusa nota sin dall'età greca come cava di pietra e prigione e, secondo quanto tramandato dagli storici, trasformata successivamente in giardino, un “paradiso” di alberi di limoni e aranci tipici del paesaggio siciliano.

“La riapertura della Grotta dei Cordari, dopo decenni di chiusura, testimonia la volontà del Governo regionale di restituire una ricchezza dell'umanità che è storia, ambiente, tradizione e che testimonia l'operosità delle genti di Sicilia sin dall'antichità. Grazie all'impegno del Parco Archeologico e Paesaggistico di Siracusa, Eloro, Villa del Tellaro e Akrai – sottolinea l'assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà - sono stati effettuati in questi mesi importanti interventi di ripulitura e messa in sicurezza, necessari a garantire le migliori condizioni di visita. Restituire al mondo intero la fruizione di un luogo così potente e suggestivo è, per noi, motivo di orgoglio e grande soddisfazione. Un ulteriore tassello nella politica di recupero e riqualificazione dei parchi archeologici e dei luoghi della cultura non sempre facile e su cui stiamo orientando notevoli sforzi, nella consapevolezza che la valorizzazione del nostro immenso patrimonio culturale ci permette di guardare al futuro, consapevoli della nostra storia e della nostra identità".

La Grotta dei Cordari, con i suoi straordinari effetti scenografici e la successione di ampie “stanze” dalle tinte policrome arricchita dalla vegetazione di muschi e capelvenere che crea singolari giochi di luce, scandita da pilastri e falsi pilastri amplificati dalla presenza di acqua, di carattere meteorologico o proveniente da alcune falde e tratteggiata dai segni lasciati nel tempo dalla punta dei picconi che in antico estraevano la pietra, è ancora oggi uno tra i più suggestivi ambienti naturali della Sicilia. Insieme alla Grotta dei Cordari torna ad essere visitabile anche l'adiacente Grotta del Salnitro così chiamata perché, come narra D. V. Denon, vi veniva lavorato il salnitro, un deposito costituito da sali minerali che si trova sulle pareti umide della grotta; la monumentale imboccatura è coperta da un gigantesco masso della volta crollato sul quale sono visibili, in forma quasi di gradinata, i piani di stacco dei blocchi calcarei, segno tangibile dell’estrazione della pietra da questa cava.

 

Articoli correlati