Il Ministero della Cultura provveda “ad un aggiornamento delle norme e dei regolamenti in materia di riproduzione delle opere, in modo da attualizzare e rendere disponibile il nostro patrimonio artistico e culturale”. Lo chiede il senatore Stefano Lucidi (Lega) in un’interrogazione rivolta al ministro Dario Franceschini. “Il Tribunale di Cagliari ha impedito alla fondazione Stazione dell'arte, tra i cui fondatori figura l'artista Maria Lai, di riprodurre delle opere donate dalla stessa Lai alla fondazione – sottolinea Lucidi -. Secondo l'articolo 109 della legge sul diritto d'autore (legge n. 633 del 1941), infatti, la cessione di un'opera non comporta automaticamente anche la cessione dei diritti di utilizzo”. Al senatore leghista risulta che anche” il museo Palazzo Collicola di Spoleto sia proprietario delle opere residenti, ma non goda dei diritti di riproduzione” e “paradossalmente viene inibita anche la diffusione da parte della Rai di documentari con riprese fatte sulle opere di proprietà del museo Collicola”. Tutto questo, sottolinea Lucidi, mentre “la pandemia da Covid-19 ha messo in evidenza come le nuove tecnologie e la digitalizzazione possono essere uno strumento imprescindibile per la divulgazione del nostro patrimonio culturale”.

 

Articoli correlati