“Come Commissione europea siamo fortemente impegnati per fare in modo che Ventotene e tutta l’area in questa zona sia valorizzata non solo a livello nazionale ma anche europeo. Il progetto che è in corso a Santo Stefano, l’isola gemella di Ventotene, sotto il coordinamento di Silvia Costa è per noi un’iniziativa di grande importanza proprio per dare maggiore visibilità a questa zona”. Lo ha detto ad AgCult Vito Borrelli, vice capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, a margine del Seminario federalista europeo, organizzato sull’isola dall’Istituto Altiero Spinelli in occasione dell’80esimo anniversario del Manifesto di Ventotene. “Un evento immancabile per discutere sul futuro dell’Europa”, aggiunge Borrelli soffermandosi sul progetto di recupero dell’ex carcere borbonico di Santo Stefano e del lavoro messo in campo dalla Commissaria di Governo Silvia Costa. “E’ importante cercare di creare sinergia tra le attività di Ventotene, che simbolicamente è la culla dell’Europa e l’Isola in cui è stato scritto il Manifesto, e quelle di Santo Stefano”, conclude Borrelli sottolineando di “sostenere il progetto di recupero dell’ex carcere che dovrebbe diventare un centro di studi, di ricerca e congressi anche a livello internazionale”. 

 

Articoli correlati