Circa 85 milioni di euro saranno mobilitati tra 2021 e 2022 dall’Unione Europea per finanziare i progetti del nuovo Bauhaus europeo, l’iniziativa ambientale, economica e culturale avviata dalla Commissione per contribuire alla realizzazione degli obiettivi di sostenibilità del Green Deal. L’Esecutivo europeo ha adottato una comunicazione in cui annuncia il primo pacchetto di inviti a presentare proposte per selezionare e finanziare cinque progetti del Bauhaus: il bando rimarrà aperto da settembre fino al 25 gennaio 2022, quando un gruppo di esperti valuterà le domande e selezionerà i primi cinque progetti nella primavera del prossimo anno. Seguirà una seconda chiamata per i progetti pilota nel 2022-2023.

L’approccio della Commissione è “multidisciplinare”, per cui il finanziamento di questi progetti arriverà dal programma Horizon Europe per la ricerca e l'innovazione (in particolare le missioni Horizon Europe), ma anche dal programma LIFE per l'ambiente e l'azione per il clima e dal Fondo europeo di sviluppo regionale. L’Ue chiede inoltre agli Stati membri di mobilitare risorse a livello nazionale, citando l’esempio del Recovery fund per la ripresa, e far leva sugli investimenti privati. 

“Il New European Bauhaus mira a creare un nuovo stile di vita che abbini la sostenibilità al buon design, che abbia bisogno di meno carbonio e che sia inclusivo e accessibile a tutti", ricorda la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen. Un ponte tra cultura e innovazione per creare “soluzioni che non sono solo sostenibili e innovative, ma anche accessibili, convenienti e in grado di migliorare la vita di tutti noi", ha aggiunto la commissaria Mariya Gabriel, responsabile per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù.

Nel documento politico pubblicato, la Commissione annuncia l’istituzione di un nuovo laboratorio ‘New European Bauhaus Lab’, uno spazio per co-creare, mettere a punto e poi testare nuovi strumenti e raccomandazioni politiche. Secondo le indicazioni di Bruxelles, lavorerà a stretto contatto con la Tavola rotonda di alto livello che già si è riunita più volte nel corso dell’anno e gli altri partner del Bauhaus.

Nella comunicazione anche l’annuncio che sarà organizzato un "New European Bauhaus Festival" nella primavera del 2022. Ci sarà un forum con dibattiti orientati sia alla politica sia all'azione; una fiera per offrire uno spazio per mostrare progetti e risultati; infine, un programma culturale per combinare mostre fisiche e virtuali, performance e conferenze. La prima edizione del festival si svolgerà a Bruxelles e sarà organizzata e finanziata dalla Commissione. Dal 2023 in poi, l'Esecutivo penserà a un evento da organizzare annualmente sia dentro che fuori l’Ue.

 

Articoli correlati