“È necessario per una grande destinazione come la Toscana che le esperienze del turismo vengano programmate con i territori: l’unica modalità affinché siano realmente sostenibili”. Lo afferma Francesco Palumbo, direttore della Fondazione Sistema Toscana, intervenendo al panel “Turismo sostenibile verso il 2023” nell’ambito di ArtLab Bergamo. Palumbo sottolinea che “i soggetti che vengono interessati dalla programmazione turistica sono molti: è necessario coinvolgere tutti gli stakeholder” in una programmazione che deve essere locale. “Non esiste un progetto sostenibile per definizione, ma va costruito località per località tenendo presente il contesto”, prosegue Palumbo ricordando la piattaforma “Tuscany Together” per la governance del turismo regionale con un “metodo di ascolto e di coinvolgimento”. La piattaforma governa una serie di temi complessi, dal management della destinazione fino alla promo-commercializzazione: “L’obiettivo - spiega il direttore della Fondazione Sistema Toscana - è restituire competitività e sostenibilità ai sistemi collaborando con attori diversi, programmando attività in ottica di mercato e misurando i risultati”. “Il punto centrale - conclude Palumbo - è la programmazione: troppo poco in Italia si pensa a programmare in maniera condivisa, che vuol dire che tutti gli attori sanno quali sono i nostri obiettivi”.

 

Articoli correlati