© Photo credit: Matt Conti

In vista della COP26 (UN Climate Change Conference) a Glasgow, preceduta a Milano dalla Pre-COP26 e da “Youth4Climate”, Letture Lente ha lanciato un nuovo invito per raccogliere contributi sul ruolo della cultura nell’affrontare i cambiamenti climatici e la sostenibilità ambientale. La call ha preso l’avvio dall’articolo di Michela Rota.

UNA PIATTAFORMA SULLA COMUNICAZIONE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI

Comunicare i cambiamenti climatici a diversi pubblici, con svariati linguaggi e con molteplici strumenti, per motivare un’azione urgente e concreta. È questa la nuova sfida, fondamentale da cogliere per accelerare la transizione verso un futuro più sostenibile. Una sfida che richiede innovazione, coinvolgimento, partecipazione, ma allo stesso tempo necessita di rigore informativo, restando saldamente ancorata alle evidenze scientifiche che progressivamente affinano la comprensione dei cambiamenti climatici e dei loro impatti sulle nostre vite, società ed economie.

Per rispondere a questa sfida, la Fondazione CMCC – Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici ha dato forma su www.cmccaward.eu ad una piattaforma globale che raccoglie, valorizza e premia i migliori progetti dedicati a diffondere consapevolezza sulla più grande sfida dei prossimi decenni.

Con il CMCC Climate Change Communication Award "Rebecca Ballestra" - iniziativa che onora la memoria dell'artista impegnata nel plasmare un futuro sostenibile e nel promuovere processi di trasformazione positivi nella scienza, nelle scienze umane, nell'economia, nell'ecologia e nell'arte - il CMCC ha voluto dare seguito alla sua visione di "creare una piattaforma che riunisca diverse esperienze, condivida conoscenze e cerchi di trasformare veramente il nostro futuro".

"La transizione verso un'economia a zero emissioni di carbonio richiede innovazione tecnologica, grandi investimenti, politiche appropriate, un'equa distribuzione degli oneri e cooperazione internazionale. Ma richiede anche un cambio di mentalità e un'innovazione culturale. A questo scopo la comunicazione è cruciale. Inclusione, consapevolezza e partecipazione sono infatti le pietre miliari di una transizione climatica efficace e rapida", ha dichiarato il Prof. Carlo Carraro, ideatore dell'iniziativa e membro del Comitato Strategico del CMCC.

UN PANORAMA INTERNAZIONALE DI INIZIATIVE PER COMUNICARE I CAMBIAMENTI CLIMATICI

Il CMCC Climate Change Communication Award "Rebecca Ballestra" ha raccolto, in questa prima edizione, oltre 150 candidature di progetti innovativi, iniziative e strumenti a disposizione del pubblico nel campo della comunicazione dei cambiamenti climatici, proposti da individui, team o organizzazioni.

I 108 progetti ammessi provengono da oltre 30 paesi, e disegnano un panorama stimolante di iniziative in grado di innovare la comunicazione dei cambiamenti climatici attraverso varie forme di arte, teatro, videomaking, musica, fotografia, giornalismo, gioco, educazione, visualizzazione di dati e uso di canali e strumenti digitali. La maggior parte dei progetti ammessi proviene dall'Europa (79), ma le candidature comprendono progetti da Nord America (10), Africa (9), Asia (5), America Latina (3) e Australia (2).

I progetti candidati sono stati valutati da una giuria internazionale di esperti, composta da Mike Favetta (meteorologo, co-fondatore di Climate Without Borders), Giuseppe La Spada (water artist, esperto di comunicazione della sostenibilità), Michael E. Mann (direttore dell'Earth System Science Center, Penn State University), Catterina Seia (fondatrice e presidente del CCW-Cultural Welfare Center), e Meera Selva (vicedirettore del Reuters Institute for the Study of Journalism).

FutureSHORELINE, UN PROGETTO “GLOCALE”

Distintosi tra gli oltre cento progetti in gara, il progetto vincitore – FutureSHORELINE - è stato annunciato e premiato a Milano il 30 settembre 2021 durante "Voices of the transition. Climate change communication for a sustainable future", un pomeriggio di interviste con ospiti internazionali, proiezioni, performance teatrali e musicali e dibattiti su come trovare i migliori mezzi e linguaggi per una maggiore consapevolezza sulla sfida del clima. L’evento si è tenuto il giorno in cui, sempre a Milano, ha avuto inizio la riunione ministeriale preparatoria ai negoziati sul clima dell'UNFCCC di quest’anno (Pre-COP 26).

Il progetto vincitore FutureSHORELINE, combinando arte e scienza, richiama l'attenzione sui cambiamenti attesi per il litorale di Boston (Massachusetts) dovuti all'innalzamento del livello del mare. Un'installazione d'arte temporanea (ottobre 2020 - settembre 2021) sul Fort Point Channel permette di visualizzare chiaramente l'innalzamento delle acque atteso per il canale e il relativo innalzamento della costa, che permetterà alla città di adattarsi alla nuova normalità dei livelli dell'acqua e mitigare le inondazioni.

“FutureSHORELINE” è un'installazione artistica innovativa che non solo porta l'attenzione sulla minaccia posta dall'innalzamento del livello del mare, ma rappresenta anche le strategie di adattamento in una forma facile da comprendere per il grande pubblico, riuscendo a catturare l'attenzione della popolazione", si legge nella nota della giuria. "È un progetto 'glocale': sebbene sia localizzato ed esposto in uno spazio pubblico specifico, a disposizione dei passanti, raggiunge anche un pubblico globale attraverso fotografie, video e i vari media che fanno eco al progetto. Inoltre, il progetto include una ricerca di scienze sociali che indaga gli impatti dell'installazione sulle percezioni e sull'impegno nell'adattamento ai cambiamenti climatici, per capire come l'arte possa avere un impatto sulla vita reale. FutureSHORELINE risponde alla natura essenziale del Premio e di Rebecca Ballestra, la brillante artista di cui prende il nome".

Per gli autori del progetto Carolina Aragón e Ezra Markowitz dell'University of Massachusetts Amherst "È un grande onore che FutureSHORELINE riceva il CMCC Climate Change Communication Award 'Rebecca Ballestra', essere in compagnia delle tante meravigliose iniziative che in tutto il mondo usano la scienza e l'arte per portare avanti il meglio dell'umanità nell'affrontare l'emergenza climatica, ed essere parte degli sforzi per ripensare sia le forme della comunicazione dei cambiamenti climatici, sia come tracciare l'impatto del nostro impegno su pubblici diversi".

Il progetto ha ricevuto un premio in denaro di 5000 euro.

Gli altri finalisti annunciati all'evento sono due progetti dal Sudafrica. “Using Wikipedia to enhance global knowledge on climate change” è un progetto dell'organizzazione non-profit SouthSouthNorth per migliorare la qualità e l'accessibilità dei contenuti disponibili su Wikipedia in tema di cambiamenti climatici, in particolare per quanto riguarda il Sud globale e la mini-serie “Climate Change in South Africa mini-series” è una serie di video realizzati da Bouncing Biscuit Studios che spiegano con grande dettaglio, ma in modo umoristico e accessibile, la crisi climatica in Sudafrica.

La prima edizione del CMCC Climate Change Communication Award si è conclusa, ma è solo l'inizio di un viaggio tra i variegati linguaggi che raccontano la più grande sfida per le generazioni presenti e future, l’inizio della tessitura di una rete internazionale che potrà innovare in modo efficace la comunicazione dei cambiamenti climatici.

Alessandra Mazzai si occupa di comunicazione alla Fondazione CMCC – Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici. È coautrice dei libri “Il clima che cambia. Non solo un problema ambientale” (Il Mulino, 2015) e “Gli impatti dei cambiamenti climatici in Italia. Fotografie dal presente per capire il futuro (Edizioni Ca’Foscari, 2017). Precedentemente, è stata responsabile della comunicazione dell’International Center for Climate Governance (ICCG) e ha fatto parte dell’Ufficio Fund Raising della Fondazione Eni Enrico Mattei.

ABSTRACT

The artistic installation showcasing Boston’s changing shorefront due to sea level rise has been recognised as the best climate change communication project out of over 100 candidates. The first edition of the CMCC Climate Change Communication Award brought together a distinguished international jury, a new global platform that collects the foremost projects increasing climate awareness, and over a hundred candidates: it is the beginning of a journey into the multifaceted communication of the greatest challenge facing present and future generations.

Leggi anche:

 

Articoli correlati