Torna anche quest’anno il 10 ottobre la “Domenica di Carta", l’iniziativa promossa dal ministero della Cultura per valorizzare l’immenso e prezioso patrimonio archivistico e librario custodito nelle biblioteche e negli archivi dello Stato. Il tema proposto quest’anno, che ogni istituto svilupperà sulla base del patrimonio custodito o vigilato, è “Le storie delle donne nelle carte d’archivio”. Oltre alle visite sono previste anche letture e spettacoli in collaborazione con le realtà teatrali locali. Gli eventi saranno realizzati sia in presenza che in digitale. Oltre 100 le iniziative che si terranno dal Nord al Sud del Paese: dal reading teatrale “Bellezza Orsini" dell’Archivio di Stato di Roma all'evento “Le carte dell’ergastolo di S. Stefano, lavori in corso. Lettere delle donne” dell'Archivio di Stato di Latina, dalle "Donne vittime e imputate nelle carte processuali (1926-1942)” di Udine alla storia di "Giuseppina Amarelli" della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria.

“Il tema di quest’anno è incentrato sulla situazione delle donne perché il genere femminile sta vivendo un momento particolare: dalle donne afghane alle tante donne che hanno perso il lavoro durante la pandemia, per non parlare dei femminicidi”, spiega ad AgCult la direttrice della Dg Archivi del ministero, Anna Maria Buzzi. “L’idea di dare questo tema unitario a tutti gli archivi serve quindi a far capire l’importanza di raccontare le storie di donne particolari, che hanno lasciato un preciso segno nella storia del nostro Paese”. La Domenica di Carta sarà inoltre un’occasione per poter godere dello straordinario contesto strutturale in cui si trovano molti archivi: “Sono tantissimi – sottolinea la Buzzi - i nostri archivi ubicati in immobili storici di particolare pregio e queste sono occasioni per poter visitare non solo il contenuto ma anche i contenitori”.

ALCUNE DELLE INIZIATIVE

L’Archivio di Stato di Rieti proporrà un itinerario di visita dell’istituto che svilupperà l’iniziativa dal titolo “Donne tra le righe. Storia e storie al femminile nei documenti dell’Archivio di Stato di Rieti”; l’Archivio di Stato di Udine propone “A porte chiuse. Donne vittime e imputate nelle carte processuali (1926-1942)” in cui si parlerà delle difficili condizioni di vita delle donne nel periodo compreso tra le due guerre mondiali; presso la Biblioteca Alessandrina dell’Archivio di Stato di Roma, la Compagnia del Teatro artigiano diretta da Pietro Longhi proporrà il reading teatrale “Bellezza Orsini. La costruzione di una strega”, che darà voce e corpo ad una singolare figura femminile, Bellezza Orsini, protagonista nel Cinquecento di una vicenda dai toni fortemente drammatici; la Soprintendenza archivistica e bibliografica della Calabria presenterà il percorso documentale "Giuseppina Amarelli nelle carte dell'Archivio Amarelli", per scoprire tra le carte la figura di questa straordinaria donna imprenditrice che agli inizi del 1900 a Rossano assume le redini dell’azienda di famiglia per cambiarne positivamente la storia e portare alla ribalta internazionale la liquirizia di Rossano; l’Archivio di Stato di Sassari ospiterà un incontro con la criminologa Lorena Piras dal titolo “Nero d'archivio. Le donne nei fascicoli penali tra Otto e Novecento”; l’Archivio di Stato di Asti propone una mostra documentaria che indaga l’evoluzione dell’istituto giuridico della dote dal XVI al XIX secolo attraverso le carte dei fondi delle famiglie Roero di Cortanze e Pelletta di Cossombrato, importanti archivi familiari custoditi dall’Istituto; l'Archivio di Stato di Latina effettuerà una apertura straordinaria presentando l'evento “Le carte dell’ergastolo di S. Stefano, lavori in corso. Lettere delle donne”, con anticipazioni sul lavoro di ordinamento, presentazione dei registri restaurati delle matricole dei detenuti e lettura di brani estratti dalla corrispondenza tra donne e detenuti.

 

Articoli correlati