Giovanni Pianebianco, Segretario Generale del Ministero dei Beni culturali, è stato nominato “Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza” del dicastero. Panebianco sostituisce così Carla di Francesco, nominata “Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza” con decreto del 23 ottobre 2017 dall’allora titolare del Collegio Romano, Dario Franceschini.

L’incarico si conferisce “in ragione dei particolari requisiti professionali, personali e morali posseduti” da Panebianco. Dal curriculum di Panebianco, infatti, “si evincono peculiari competenze tecniche e manageriali, nonché specifiche esperienze professionali nel settore dei controlli di legalità cui si associano i più elevati livelli di consapevolezza dell’importanza dell’etica pubblica e della trasparenza all’interno della P.A.”.

COMPITI DEL RESPONSABILE PREVENZIONE CORRUZIONE E TRASPARENZA

Rientra tra i compiti spettanti al “Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza” la proposta all’organo di indirizzo politico (in questo caso il Mibac) dell’approvazione e delle modifiche del Piano triennale di Prevenzione della Corruzione. Il Responsabile definisce le procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti destinati ad operare in settori di attività particolarmente esposti alla corruzione. Verifica l’effettiva rotazione degli incarichi negli uffici preposti allo svolgimento delle attività per le quali è più elevato il rischio che siano commessi reati di corruzione. È responsabile della pubblicazione nel sito web dell’amministrazione della relazione in merito ai risultati dell’attività svolta e della sua trasmissione all’organo di indirizzo.

Il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza – si legge nel decreto di conferimento dell’incarico – “si avvale della rete dei referenti come individuati nel ‘Piano Triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza’”. Al Responsabile sono assicurate le risorse umane e strumentali necessari all’espletamento delle funzioni. Per lo svolgimento delle stesse, egli “si avvale del supporto del Servizio I Affari generali, innovazione e trasparenza amministrativa della Direzione Generale Organizzazione del Servizio I – Coordinamento – Ufficio Unesco del Segretariato Generale”.

Approndimenti:

Decreto di nomina del Responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenza

Leggi anche:

Mibact, Segretario Generale Di Francesco nominata Responsabile prevenzione corruzione e trasparenza

Mibac, Giovanni Panebianco è il nuovo Segretario Generale

Mibact, approvato il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza 2018-2020

 

Articoli correlati