La settimana della Cultura in Senato è caratterizzata da quattro audizioni sul Fondo unico per lo spettacolo e dalla ratifica di accordi di cooperazione internazionale siglati dal governo italiano.

LUNEDI’

Alle 16 la plenaria della commissione Bilancio esamina il ddl 677 (ratifica dell’Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra Italia e Bielorussia) e il ddl 678 (ratifica ed esecuzione dell’Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra Italia e Repubblica di Corea).

MARTEDI’

In Aula si esaminano il ddl 659 (ratifica ed esecuzione dell’Accordo di cooperazione culturale e di istruzione tra l’Italia e il Montenegro) e il ddl 676 (ratifica ed esecuzione dell’Accordo di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica tra Italia e Repubblica popolare democratica del Laos).

MERCOLEDI’

Alle 14 la plenaria della commissione Cultura continua l’indagine conoscitiva in materia di Fondo unico per lo spettacolo (Fus) con quattro audizioni: quella dell’Associazione delle imprese stabili di produzione (ISP), dell’Associazione nazionale delle compagnie e delle residenze di innovazione teatrale (ANCRIT), dell’Associazione nazionale teatri stabili d’arte contemporanea (ANTAC) e infine dell’Associazione teatro ragazzi (ASTRA).

La scorsa settimana si erano svolte le audizioni dell’Associazione generale italiana dello spettacolo (AGIS), della Federazione spettacolo dal vivo (FEDERVIVO) e dell’Associazione Italiafestival. Carlo Fontana, presidente AGIS, aveva sottolineato come quella sul Fus fosse una “legge da rinfrescare ma fondamentale per la sopravvivenza dei teatri” e anche se sono da “rivedere alcuni aspetti come i criteri di ripartizione dei fondi, vanno comunque mantenuti saldi i principi informatori della norma”. Filippo Fonsatti, presidente FEDERVIVO, aveva invece invocato un “un robusto aumento” del Fus che “nella contabilità dello Stato deve essere considerato come un investimento e non come un costo” perché “oltre a quello economico genera un inestimabile profitto sociale, civile, formativo e culturale” (per approfondimenti: Fus, Fontana (Agis): Legge da rinfrescare ma fondamentale per sopravvivenza teatri e Fus, Fonsatti (Federvivo): Necessario un robusto aumento).

Dopo le quattro audizioni sul Fus, la 7a commissione, in sede consultiva, andrà avanti con l’esame della relazione alla 14a commissione Politiche Ue sul disegno di legge 822 – Legge europea 2018. L’articolo 9 reca disposizioni attuative della Direttiva (UE) 2017/1564 – alla quale gli Stati membri devono conformarsi entro l’11 ottobre 2018 –, che mira a garantire che le persone non vedenti, con disabilità visive o con altre difficoltà nella lettura di testi a stampa abbiano accesso ai libri e ad altri tipi di pubblicazioni – compresi gli spartiti musicali –, su qualsiasi supporto, anche in formato audio, e in formato digitale.

Leggi anche:

Fus, Zanolini: Equiparare le bande musicali alle associazioni sportive dilettantistiche

Fus, Camerata strumentale di Prato: Da Mibac taglio del 34,4% senza alcuna spiegazione

Fus, Pollice (Aiam): Le risorse vanno riequilibrate

Fus, Spera (Assomusica): Serve un Osservatorio che controlli come vengono usati i finanziamenti

 

Articoli correlati