“Sono lieto di annunciare, in accordo con il ministro Bussetti, la convocazione degli Stati Generali dell’Afam che si svolgeranno a Roma l’8 e 9 febbraio 2019, come sviluppo e conclusione di un periodo di consultazioni con tutti gli addetti ai lavori”. Così il viceministro all’Istruzione, università e ricerca Lorenzo Fioramonti, che spiega: “L’impegno preso con il contratto di governo di portare a compimento la riforma del sistema dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica per potenziare un settore storicamente e culturalmente importantissimo per l’Italia va avanti a passo spedito. A quasi vent’anni dalla Legge di Riforma del settore (legge 508 del 1999) e a undici dalla prima e unica convocazione degli Stati Generali del sistema, avvenuta a Verona nel 2007, vogliamo portare a compimento un processo strategico rimasto purtroppo incompiuto. Alle parole preferiamo i fatti”.

 

“Insieme al ministro – prosegue Fioramonti- solleciteremo tutti gli stakeholder, le rappresentanze, i sindacati, gli addetti ai lavori, a dare il loro prezioso contributo. Sarà un confronto aperto per preservare e valorizzare il sistema dell’Afam, traghettandolo definitivamente verso un’organizzazione stabile e organica degli studi di livello terziario e guardando all’innovazione del settore nel pieno rispetto della sua storia e peculiarità disciplinare”.

“Particolare soddisfazione” per la convocazione degli Stati Generali dell’Afam è stata espressa congiuntamente da deputati e senatori M5S delle commissioni Cultura. Una decisione, affermano i parlamentari pentastellati, che “testimonia l’importanza e il valore riconosciuti dal M5S al contributo di tutte le parti interessate: rappresentanze, sindacati, addetti ai lavori. Il confronto, l’ascolto e la partecipazione si confermano il metodo di lavoro da privilegiare”.

 

Articoli correlati