Si è svolta presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo la prima riunione del Comitato istituito dal Ministro Centinaio per l’analisi e la risoluzione delle problematiche giuridico-normative connesse alla figura professionale delle guide turistiche.

Il Comitato include i rappresentanti dei tre Ministeri cui compete la materia (MIPAAFT, MIBAC e Dipartimento Politiche Europee), quelli del Coordinamento Turismo e Coordinamento Professioni della Conferenza delle Regioni, nonché i rappresentanti delle maggiori sigle di categoria delle guide turistiche. La riunione è stata un momento di confronto costruttivo tra le varie parti in causa, anche grazie al supporto di avvocati specializzati sulla materia.

Commenta Isabella Ruggiero, la presidente dell’Associazione Guide Turistiche Abilitate (AGTA), una delle sigle di categoria convocate al Tavolo: “Siamo grati al Ministro per avere istituito un Comitato che per la prima volta permette un confronto tra tutte le parti in causa: Ministeri, Regioni e Guide. E’ fondamentale che gli atti legislativi su temi così specifici siano frutto delle competenze ed esperienze di chi si occupa del settore”.

E altrettanto importante, aggiunge Ruggiero, che “il MIPAAFT abbia deciso di affrontare con urgenza le problematiche relative alla nostra professione. Purtroppo viviamo in una situazione di stallo da alcuni anni, dovuta a un vuoto legislativo che favorisce enormemente l’abusivismo”.

Conclude la rappresentante di AGTA: “Ribadiamo la necessità di una legge di riordino della professione, l’unico atto legislativo in grado di mettere fine a abusi e incertezze. Siamo fiduciosi che queste riunioni del Comitato preludano quindi ai lavori per la legge, al fine di tutelare e valorizzare la professionalità e la specificità delle guide, in linea con quanto dichiarato dal Ministro Centinaio”.

 

Articoli correlati