“La decisione del ministro Bonisoli di non dare corso al protocollo d’intesa siglato dall’ex ministro Franceschini con il Vicariato di Roma che prevedeva il pagamento del ticket di 2 euro per l’ingresso al Pantheon rappresenta l’ennesima occasione mancata”. Così in una nota la deputata Pd Rosa Maria Di Giorgi, che aggiunge: “È una scelta incomprensibile perché, con quasi 9 milioni di visitatori – nella quasi totalità stranieri -, l’adozione del biglietto di ingresso per i turisti avrebbe fruttato un tesoretto importante che avrebbe portato ossigeno vitale al polo Museale del Lazio e a tutto il comparto culturale della Capitale”.

“È un tema noto questo a chi si occupa di patrimonio culturale e di governo delle città d’arte – prosegue la deputata -, un tema su cui c’è forte disaccordo tra il Pd, che ritiene che un contributo dei visitatori, da reinvestire nel nostro immenso patrimonio, sia molto utile, e altre forze politiche, il Movimento 5 Stelle in primis, contrarie a priori. Questa decisione rappresenta, ancora una volta, un atto volto semplicemente a cancellare quanto fatto dal nostro governo, in questa preoccupante ‘furia destruens’ che ormai ha assunto carattere maniacale nel governo giallo verde”.

Leggi anche:

Pantheon, Bergamo: Grazie a Bonisoli per aver scongiurato ingresso a pagamento

 

Articoli correlati