“Una vicinanza di interscambio culturale è un veicolo essenziale per i rapporti con le altre nazioni. E quello con la Russia ha radici profonde e ha anche la caratteristica di rinnovarsi giorno per giorno”. Lo ha detto alla Farnesina il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, nel corso della XVI sessione del Consiglio Italo-Russo per la Cooperazione economica, industriale e finanziaria (CIRCEIF) dove era presente anche il sottosegretario per i Beni culturali, Gianluca Vacca.

La vocazione del Consiglio, ha affermato Moavero Milanesi, “è economica ma non solo, perché si occupa anche di questioni culturali e legate al turismo. Questo insieme di relazioni le affrontiamo con l’usuale e abituale spirito di apertura al dialogo che è una precondizione essenziale per le relazioni tra Russia e Italia”. Nello scambio culturale tra stati, ha evidenziato il titolare della Farnesina, “si parla al cuore delle persone e in questo modo si arriva ad avere una comunione di sentimenti che si sviluppano insieme, nettamente superiore a quella puramente razionale o alla logica fredda del business”.

Moavero Milanesi, dopo aver ricordato “le importanti iniziative culturali” tra Roma e Mosca, quali le Stagioni russe in Italia e il Forum culturale di San Pietroburgo, ha sottolineato: “La cultura, al contrario di quello che spesso si è portati a pensare, può essere anche un veicolo di arricchimento non solo dello spirito”. Infatti, “è un importante investimento economico, perché l’interscambio culturale nel mondo d’oggi e anche le stesse attività economiche che stanno dietro le attività culturali, sono estremamente significative”. Per cui, Italia e Russia, “due paesi di antica e grande tradizione, abituati a operare insieme in questo settore, hanno in questo campo una vera e propria valvola di espansione che merita di essere valorizzata al massimo”.

L’ultima parte del suo intervento il ministro degli Esteri l’ha dedicata al turismo. “Un’attività importante – ha rilevato Moavero Milanesi – che garantisce un ritorno economico di primario rilievo per entrambi i paesi e consente di nutrire la conoscenza reciproca”. Le statistiche segnalano “in questi ultimi anni un notevole aumento del turismo russo in Italia e viceversa”, ha detto Moavero Milanesi che ha così concluso: “I due paesi sono delle immense miniere di bellezze che è importante conoscere reciprocamente per arrivare a sviluppare una visione comune che è la base di ogni rapporto positivo”.

 

Articoli correlati