Dal 1° gennaio 2019 e fino al 28 febbraio 2019 sarà disponibile on line la modulistica per il riconoscimento del Tax credit Musica, il credito d’imposta per la promozione della musica di nuovi talenti. Lo comunica la Direzione generale Spettacolo del Ministero per i Beni culturali in un avviso pubblicato lo scorso 17 dicembre 2018.

La domanda potrà essere presentata telematicamente, attraverso il portale Fusonline, dalla sezione “Gestione domande” relativa al Tax credit musica. All’interno della domanda, gli operatori potranno scaricare il formulario, compilarlo in tutte le sue parti e ricaricarlo sulla piattaforma per l’invio della domanda firmata digitalmente. Oltre all’invio telematico della documentazione, l’avviso specifica la necessità della consegna del supporto fisico dell’opera oggetto della richiesta di beneficio. La richiesta dovrà essere inviata alla Direzione Generale Cinema del Mibac con raccomandata A/R, indirizzata alla D.G. Cinema – Sevizio I – Tax credit musica, o consegnata a mano, in busta chiusa.

L’Ufficio responsabile del procedimento, infatti, è il Servizio I della Dg Cinema.

IL TAX CREDIT MUSICA

Il credito d’imposta si rivolge alle imprese produttrici di fonogrammi e videogrammi musicale e alle imprese produttrici ed organizzatrici di spettacoli musicali dal vivo. Le imprese devono esistere almeno dal 1° gennaio 2012. Il contributo viene erogato in relazione ai costi sostenuti per la realizzazione e promozione di registrazioni fonografiche o videografiche musicali che siano opere prime, seconde o terze di nuovi talenti, definiti come artisti, gruppi di artisti, compositori o artisti-interpreti.

Il credito d’imposta è stato istituito con il decreto ministeriale 2 dicembre 2014, in tema di “Disposizioni applicative del credito d’imposta per la promozione della musica di nuovi talenti di cui al decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 ottobre 2013, n. 112”. La legge sullo spettacolo dal vivo (L. 175/2017) era poi intervenuta a favore della stabilizzazione della concessione del credito d’imposta, con oneri pari a 4.5 milioni di euro a decorrere dal 2018.

Approfondimenti:

Link all’avviso della Dg Spettacolo

Leggi anche:

Spettacolo, Franceschini: impegno mantenuto, approvata legge che rilancia il settore

 

Articoli correlati