Sono 197 i progetti finanziati attraverso fondo per il programma di attività in occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 previsto dal Mibac. Il fondo stabilisce la ripartizione, effettuata con decreto del segretario generale Giovanni Panebianco datato 18 dicembre, della quota pari a 700.000 euro, destinata alla realizzazione di iniziative da parte di soggetti diversi dal Ministero, secondo la suddivisione espressa nel Decreto ministeriale 28 febbraio 2018, n.134.

L’assegnazione della restante quota pari a 300.000 euro, destinata alla realizzazione e comunicazione di iniziative da parte del Ministero, anche in collaborazione con altri soggetti, è attualmente in corso di completamento e verrà resa nota con un decreto successivo. La Commissione di valutazione ha ritenuto di finanziare 197 progetti, individuando delle fasce proporzionali in relazione al punteggio attribuito.

IL BANDO

Per partecipare al bando era necessario che le iniziative avessero preventivamente ottenuto il logo. Il contributo di un milione di euro messo a disposizione dal Ministero dei Beni culturali concorre fino al 50% delle spese documentate e ammissibili, con un tetto massimo di 10.000 euro per domanda. La prima scadenza, riferita a iniziative avviate o pianificate nel primo semestre, era il 21 maggio. Una seconda scadenza entro il 15 settembre.

Il finanziamento si proponeva di sostenere progetti a carattere innovativo, pluridisciplinari, che incoraggino la condivisione e la valorizzazione del patrimonio culturale dell’Europa, che sensibilizzino alla storia e ai valori comuni e che rafforzino il senso di appartenenza a uno spazio comune europeo. Le domande presentate sono state valutate da una commissione apposita nominata con il Decreto 17 maggio 2018, n. 168.

LA COMMISSIONE DI VALUTAZIONE

La Commissione è presieduta da Luisa Montevecchi, direttore del Servizio I del Segretariato generale, ed è composta da Giuliana De Francesco, coordinatore nazionale dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018, Elisabetta Scungio, Umberto D’Angelo, Martina De Luca, Chiara Fortuna e Valentina Nagali.

Approfondimenti:

Leggi il decreto di assegnazione

Consulta l’elenco dei beneficiari

 

Articoli correlati