È sostenuto dall’idea di una buona cooperazione che nasce a Savigliano (CN), il Consorzio DOCLIBRIS – da chi legge a chi scrive, che mette insieme cooperazione ed editori, con uno sguardo attento ai mercati e ai servizi per la filiera editoriale. La presidenza è stata affidata a Lucetta Paschetta.

All’inizio del 2018 SCS Consulting e Culturmedia hanno costruito un tavolo di lavoro che, oltre ad aver prodotto idee innovative relative all’editoria, ha iniziato un percorso lungo un anno dal quale è nata una società consortile a modello cooperativo. Da quando una certa parte della filiera, più attenta ai contenuti e al lavoro culturale e sociale, ha cominciato a porsi il problema di come superare alcuni momenti difficili del mercato, i termini più usati sono stati: cooperare, cooperazione, rete, filiera, consorzio, unione, messa in uso comune delle risorse.

Con il Consorzio, gli editori sono artefici del loro sviluppo giungendo a una soluzione collegiale ai loro singoli problemi: piattaforma informatica, gestione e amministrazione, comunicazione, promozione e vendite. Gli editori soci di Doclibris, con la collaborazione della rete Doc e della Fondazione Centro Studi Doc, hanno sposato sostanzialmente un’idea di innovazione che prenda le mosse dal mondo della cooperazione, il più adatto a rispondere alle loro esigenze. La fondazione del Consorzio è un primo passo a cui seguiranno altri percorsi di analisi e di studio per coinvolgere tutti gli attori della filiera: dagli editori, ai nuovi mercati, alle librerie, con l’unico scopo di portare i libri dove non ci sono..

 

Articoli correlati