Sono state circa 67.400 le presenze complessive al Polo del ‘900 nel corso del 2018, il 18% in più rispetto al 2017 (57.000). “È un’ulteriore conferma di un percorso di crescita – ha commentato Sergio Soave, presidente della Fondazione Polo del ‘900 – che evidenzia come il Polo del ‘900 si stia posizionando a livello cittadino e regionale come un luogo aperto alla cittadinanza che intende rispondere alla crescente richiesta di luoghi di aggregazione aperti al dialogo, al confronto e all’apprendimento”.

Nell’anno si sono registrate 22.900 presenze nelle sale lettura (+23% rispetto al 2017), più di 12.500 partecipanti alle attività educative e ulteriori 22 mila partecipanti alle iniziative e agli incontri proposti. Si tratta di un dato di crescita complessivo che riguarda tutte le dimensioni di offerta: dall’accesso ai patrimoni dei 19 enti culturali, alle attività didattiche, alla partecipazione alle più di 600 tra iniziative, incontri, presentazioni e attività performative realizzate, all’utilizzo libero dello spazio come luogo di lettura, di partecipazione e di approfondimento.

Se si considerano anche le iniziative del Polo e dei suoi enti realizzate sul territorio le presenze complessive salgono a 87 mila.

“E’ stato un anno di crescita molto importante – sottolinea Alessandro Bollo, direttore della Fondazione Polo del ‘900 – perché, grazie al lavoro e alla volontà di mettersi in gioco dei 19 enti che compongono il Polo, abbiamo strutturato una proposta culturale in grado di parlare a pubblici diversi, sperimentando approcci e linguaggi volti a coinvolgere una platea più ampia di persone. Abbiamo investito molto didattica e nell’innovazione digitale per garantire un maggiore accesso ai nostri patrimoni”.

Non solo presenze fisiche ma anche gradimento virtuale, online. Il Polo del ‘900 ha, nel corso del 2018, rifatto il sito Internet (con un incremento degli utenti virtuali del 111%) e lanciato 9centRo la piattaforma digitale degli archivi che rende disponibili e accessibili più di 100.000 contenuti.

LE ATTIVITÀ DIDATTICHE

Le attività didattiche proposte per l’anno 2018 hanno coinvolto 12.500 studenti delle scuole di ogni ordine e grado e 545 insegnanti. Il 46% proviene dalla scuola secondaria di secondo grado, il 42% dalla scuola secondaria di primo grado e il 10% dalla primaria.

LE INIZIATIVE CULTURALI

Nel 2018 la partecipazione alle iniziative, agli spettacoli e agli allestimenti temporanei è stata pari a 21.963 presenze. Le iniziative proposte al Polo sono state 648: 420 incontri, 42 proiezioni cinematografiche, 67 spettacoli teatrali e musicali, 27 convegni e conferenze 92 eventi dedicati alla didattica per la scuola. Le iniziative realizzate sul territorio sono state 238 per un totale di 886.

LA COMPOSIZIONE DEL PUBBLICO

Il 40% delle persone che hanno partecipato alle iniziative è pubblico nuovo, che non era ancora venuto al Polo. Il 60,5% arriva da Torino, il 19,7% dal Piemonte e il 19,8% dalle altre regioni. Si tratta di pubblico composto per il 45% da utenti professionalmente occupati, il 33% pensionati, 16% studenti e 6% non occupati.

Analizzando i dati dei tesserati (che utilizzano i diversi servizi) si evince come il 70% sia under 35 e il 61% sia costituito da studenti. Sono circa 60.000 gli utenti che seguono le attività digitali del Polo (sito web, Facebook e Twitter).

ACCESSO AL POLO

4.500 ore annue di apertura al pubblico. 2.136 ore di eventi, incontri, riunioni.

 

Articoli correlati