Un “tavolo di grande valore e di grande responsabilità” per tutti i partecipanti. Il Sindacato dei Librai (Sil) giudica positivamente l’incontro che il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli ha organizzato a Milano con la filiera del libro per fare il punto sullo stato attuale del settore e costruire in tempi brevi, nel caso fosse necessario, una serie di misure normative e finanziarie a sostegno del libro e della lettura. Per Cristina Giussani, presidente del Sil, è “essenziale mettere tutti i soggetti coinvolti ad armi pari” e, spiega ad AgCult, “il ministro ha ascoltato con attenzione questo nostro appello”.

“Abbiamo apprezzato – aggiunge – la posizione costruttiva del ministro. E siamo già al lavoro per fare ‘i compiti a casa’. Cioè fornire nel prossimo incontro dati e proposte concrete. Abbiamo idee per la promozione della lettura che avevamo già sottoposto al Cepell anni fa e che possono essere riprese. Ma, a nostro avviso, urgono interventi già nel breve periodo”.

Le librerie infatti chiudono, e occorre intervenire con tempestività. “Noi crediamo che ci siano due filoni di lavoro – anticipa Giussani -: uno è la legge organica di promozione del libro e della lettura (che coinvolga biblioteche, scuole, librai, editori, prezzo, promozione, etc) che tiene dentro tutto ma che tuttavia richiede un iter lungo; ma già ora – ed è il secondo filone – si può mettere mano a due tre punti della Legge Levi che attualmente regola il settore: sconto del 5%, promozioni regolamentate seriamente e la cancellazione della possibilità di fare il cross merceologico” (che prevede, specialmente nella grande distribuzione, a fronte di una spesa in libri un buono acquisto su altri prodotti).

Tuttavia, conclude Giussani, resta la questione principale che va sempre tenuta a mente nel pensare a mettere poi in atto le azioni concrete: “La mamma di tutti i problemi è e resta far leggere le persone”.

Leggi anche:

Libro e lettura, Bonisoli: la sfida è fare crescere il mercato

Libro e lettura, Zapparoli (Adei): Bonisoli determinato, ci ha stupito favorevolmente

Libro e lettura, Ali-Confcommercio: centralità della libreria e sostegno al settore

Libro, Levi (AIE): Governo attui misure forti per la centralità della lettura

 

Articoli correlati