Sono necessarie “urgenti iniziative a tutela delle migliaia di imprese di restauratori che operano da anni e con riconosciuta competenza, nel settore del restauro dei beni culturali e a cui viene impedito di continuare a lavorare, poiché non presenti nell’elenco, pubblicato il 28 dicembre 2018, di coloro che sono stati abilitati all’esercizio della professione di restauratore di beni culturali”. E’ quanto chiede il deputato Walter Rizzetto (Fdi) in un’interrogazione indirizzata al Mibac.

“E’ prioritario – spiega – indire una nuova selezione o bando per il conseguimento dell’abilitazione da parte dei moltissimi operatori titolari di imprese ed esclusi, che hanno maturato un’adeguata competenza professionale nell’ambito del restauro dei beni culturali mobili e delle superfici decorate dei beni architettonici”.

I restauratori non inclusi tra i soggetti abilitati “stanno vivendo una drammatica situazione, poiché, da un giorno all’altro, sono stati estromessi dal mondo del lavoro, con le conseguenze immaginabili, in danno anche alle loro famiglie”.

Per queste ragioni, il deputato di Fratelli d’Italia chiede al Mibac “se si intendano urgentemente adottare iniziative per riaprire i termini di ammissione o indire un nuovo bando a tutela degli operatori del settore ingiustamente esclusi dall’elenco, pubblicato il 28 dicembre 2018, di coloro che sono ritenuti abilitati a svolgere la professione di restauratore; se si intenda adottare iniziative per riconoscere l’equipollenza alla classe LMR/02 dei titoli di studio nel restauro rilasciati prima del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, ai restauratori qualificati ex articolo 182; se si intendano assumere iniziative per il riconoscimento delle competenze acquisite e immotivatamente non riconosciute ai restauratori qualificati ai sensi dell’articolo 182 citato; se si intendano modificare il codice appalti, decreto legislativo n. 50 del 2016, articolo 7, comma 4 e il relativo decreto attuativo”.

Leggi anche:

Mibac, online l’elenco dei restauratori abilitati alla professione

Mibac, sbloccate le graduatorie per 160 restauratori: in servizio dal 7 gennaio

 

Articoli correlati