La cultura nel nostro Paese è ricchezza, bellezza, ma anche possibilità di lavoro e di crescita. Lo sottolinea su Facebook il deputato Paolo Lattanzio (M5S), commentando il report dell’Istat “I musei, le aree archeologiche e i monumenti in Italia”, presentato in questi giorni (leggi).

“Tra i dati riportati, alcuni sono davvero esplicativi. Il report evidenzia che il patrimonio culturale e museale nel nostro Paese è diffuso su tutto il territorio. Un Comune su 3, infatti, ospita almeno una struttura a carattere museale. E ancora: il Sud Italia è ricchissimo di aree archeologiche. Il 50,8% del patrimonio nazionale si trova nel Mezzogiorno”, aggiunge Lattanzio.

“Nel 2017 le strutture museali hanno registrato il massimo storico di ingressi: ben 119 milioni, +7,7% rispetto al 2015. L’incremento maggiore riguarda proprio i monumenti e le aree archeologiche”.

Questi numeri, evidenzia il deputato pentastellato, “ci dicono una cosa chiarissima: abbiamo nelle nostre mani un patrimonio culturale di inestimabile valore e importanza. Una ricchezza in termini culturali e di conoscenza, ma anche in termini di lavoro e di investimenti”.

“Il settore culturale si configura come un asset strategico, su cui investire, per rilanciare il nostro Paese e per creare lavoro. Continueremo ad impegnarci affinché la cultura torni ad essere protagonista della politica italiana e dell’azione di Governo”.

Leggi anche:

Istat: lo 0,5% delle strutture museali attrae un terzo dei visitatori

Musei, Istat: piccoli e diffusi, la metà fa parte di sistemi organizzati

Musei, Istat: nel 2017 oltre 119 mln di visitatori (+7,7% sul 2015)

 

Articoli correlati