Premiato ai Nastri d’Argento 2019, candidato ai David di Donatello 2019 come “Miglior documentario” presentato alla scorsa edizione della Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Venezia Classici, “Friedkin Uncut – Un diavolo di Regista” è il docu-film scritto e diretto da Francesco Zippel sulle opere e la vita del regista horror William Friedkin, in onda in esclusiva e in prima visione assoluta venerdì 1 marzo alle 21.15 su Sky Arte (canale 120 e 400 di Sky).

“Friedkin Uncut” è presentato da Quoiat Films, prodotto da Francesco Zippel e Federica Paniccia. Ladistribuzione italiana è Wanted/Feltrinelli Real Cinema e quella internazionale è Doc & Film International.

IL PERCORSO ARTISTICO DI FRIEDKIN

Friedkin Uncut offre una visione introspettiva della vita e del percorso artistico di William Friedkin, regista straordinario e anticonformista di film di culto come “Il Braccio Violento della Legge”, “L’Esorcista”, “Sorcerer”, “Cruising” e “Vivere e morire a Los Angeles”.

Per la prima volta Friedkin si mette in gioco intimamente e decide di guidare il pubblico in un affascinante viaggio attraverso i temi e le storie che maggiormente hanno influenzato la sua vita e il suo percorso artistico. Il titolo del documentario riflette al tempo stesso la schiettezza e l’eccentricità di Friedkin, elementi che hanno contribuito nel tempo a caratterizzarne l’eccezionale abilità di storyteller. Ma Friedkin non è solo in questa lunga e appassionata narrazione.

Un cast ‘stellare’ di amici e collaboratori ha deciso di partecipare a questo film che da semplice omaggio si trasforma con il passare dei minuti in un vero e proprio saggio in cui grandi registi, straordinari attori e perfino celebrati direttori d’orchestra si uniscono per riflettere sul significato di essere artisti e sulla bellezza del mettersi in discussione in nome di una chiamata artistica vissuta nella dimensione autentica di un lavoro. Tra questi Francis Ford Coppola, Quentin Tarantino, Matthew Mcconaughey, Wes Anderson e Dario Argento.

“Il film è stato realizzato seguendo Billy Friedkin nei suoi mille viaggi – spiega Francesco Zippel – e cercando di incastrarsi tra gli impegni degli altri attori e registi intervistati in giro per il mondo. Il viaggio per incontrare Francis Ford Coppola, le telefonate notturne con Zubin Mehta, uomo delizioso e straordinario cinefilo, la brusca affabilità di Michael Shannon, la regale ospitalità di Ellen Burstyn, la travolgente simpatia di Quentin Tarantino, l’intervista ‘natalizia’ con Willem Dafoe, la sortita parigina per incontrare Wes Anderson, l’entusiasmo di Juno Temple e l’energia di Gina Gershon, la modestia del piccolo grande Damien Chazelle, sono alcuni dei momenti che hanno reso questi dodici mesi unici”.

I SEI PREMI DI SKY AI NASTRI D’ARGENTO

Sono stati sei i premi ricevuti da Sky Arte ai Nastri d’Argento 2019. Per i documentari, sono stati proclamati vincitori “1938 diversi” di Giorgio Treves, realizzato da Tangram Film in collaborazione con Sky Arte, “Friedkin Uncut” di Francesco Zippel e “Sono Gassman!” Vittorio Re Della Commedia” di Fabrizio Corallo.

Per la selezione eventi d’arte ad aggiudicarsi il premio è stato “Hitler contro Picasso e gli Altri” di Claudio Poli, prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital in collaborazione con Sky Arte. Menzione speciale a “Ho rubato la marmellata – Vita di un artista politicamente scorretto”, diretto da Gioia Magrini e Roberto Meddi e prodotto da Ruvido Produzioni in associazione con Istituto Luce Cinecittà.

Infine il premio speciale è stato assegnato a “Up & down – un film normale” di Paolo Ruffini in onda su Sky Uno.

 

Articoli correlati