Interventi di restauro conservativo a Pescara, Castel di Sangro, Teramo, Mutignano e Chieti verranno effettuati per mezzo delle risorse liberate dalla riduzione di interventi previsti dal Programma triennale dei lavori pubblici 2017-2019. Così viene stabilito nel decreto di rimodulazione del Ministero per i Beni culturali del 7 febbraio scorso che incide sulle decisioni stabilite con decreto del 12 aprile 2017.

L’aggiornamento dell’elenco annuale dei lavori pubblici per l’anno 2017, previsto per le annualità 2018 e 2019, ha reso disponibili le risorse, pari a 160 mila euro. La rimodulazione riguarda quindi interventi nella Regione Abruzzo e non comporterà, in tutti i casi, maggiori spese. A richiedere la rimodulazione era stato la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo. La Direzione generale Musei del Mibac aveva approvato la richiesta della nota dello scorso 15 ottobre.

GLI INTERVENTI RIMODULATI

La rimodulazione elimina l’intervento di restauro del Campanile della Chiesa Cattedrale di Santa Maria Assunta di Teramo. Questo “in quanto inserito nel più ampio finanziamento speciale a diretta gestione della Soprintendenza Speciale per le aree colpite dal sisma del 26 agosto”.

Vengono così inseriti gli interventi di restauro conservativo su vari dipinti. Alla tela “La figlia di Iorio” di F.P. Michetti nel Palazzo della Provincia di Pescara si assegnano 40 mila euro. Il dipinto ad olio su tela che raffigura “Episodi della vita di San Domenico” nella Cappella del SS.mo Rosario della Chiesa di San Giovanni Battista di Castel di Sangro riceve 45 mila euro. Il restauro del Polittico di Jacobello del Fiore nella Cattedrale di Santa Maria Assunta di Teramo riceve un finanziamento di 35 mila euro mentre quello del Polittico di Andrea De Litio nella Chiesa di San Silvestro in Mutignano 30 mila euro. Le risorse saranno in parte destinate, per una cifra pari a 10 mila euro, all’acquisto di materiali per il laboratorio della Soprintendenza per indagini diagnostiche e restauri da eseguirsi in economia.

Approfondimenti:

Decreto di rimodulazione interventi

Articoli correlati