Giovedì 7 Marzo, alle 10, in sala del Camino, presso il Museo Civico del mare e della Navigazione Antica, il Castello di Santa Severa ospita una conferenza sulla figura del samurai Hasekura Tsunenaga, il primo ambasciatore giapponese in Europa presso la Santa Sede, che a Santa Severa soggiorna nell’anno 1615, quando era Papa Paolo V.

L’evento è ospitato dal Castello di Santa Severa, spazio della Regione Lazio gestito da LAZIOcrea in collaborazione con Comune di Santa Marinella, Ministero per i Beni culturali e Coopculture.

IL LEGAME ITALIA-GIAPPONE NEI RAPPORTI CULTURALI

In un periodo storico in cui assistiamo ai viaggi di scoperta ad Oriente e i missionari europei giungono in Asia per diffondere il Verbo, Tsunenaga viene a Roma, in queste terre baciate dal mare e si converte al Cattolicesimo. L’Italia ed il Giappone, da più di cinquecento anni, sono al centro di uno dei più importanti e prolifici scambi di carattere culturale ed economico.

Proprio nel 2016 si sono festeggiati in Giappone i 150 anni dei rapporti culturali fra lo Stato Italiano e l’Impero Giapponese. L’Associazione Arké ospiterà proprio per questo i componenti dell’Associazione Culturale Musicale Bunshin Bunkyo della Prefettura di Ishikawa per una prova del Requiem di Mozart in versione ETHNO. All’esecuzione degli originali movimenti della nota opera mozartiana, si alterneranno esecuzioni di musica tradizionale Giapponese con strumenti originali. Gli ospiti, a Roma fra il 6 e il 10 marzo, saranno 81 tra coristi, strumentisti ed accompagnatori tutti provenienti da Kanazawa e dalla Prefettura di Ishikawa. Sono a disposizione per ulteriori informazioni.

Articoli correlati