Parte il bando della Regione Lazio “Progetto Chebec” per selezionare le imprese che beneficeranno del pacchetto di servizi a supporto degli operatori del settore delle industrie culturali e creative (CCIs) che puntano ad espandere le loro attività commerciali in Europa e in particolare nelle regioni euro-mediterranee dell’Area Med. C’è tempo fino al 20 marzo per inviare le domande.

Il progetto Chebec punta a sperimentare un pacchetto di servizi a supporto di professionisti e piccole e medie imprese delle industrie culturali e creative che presentino tre requisiti. Oltre allo sguardo verso l’Europa, si richiede che esse abbiano avviato l’attività imprenditoriale dopo il 31 dicembre 2014 e che abbiano una sede operativa nel territorio della Regione Lazio.

Il progetto si è sviluppato dalla consapevolezza che la sfida principale che le CCIs stanno affrontando nell’Area Med è il rafforzamento delle relazioni commerciali transregionali. Senza esso, infatti, il Sud Europa rischia di perdere attrattività per le imprese e i professionisti del settore. Ogni singola regione/cluster ha infatti dimensioni troppo ridotte per rappresentare un mercato di sbocco interessante. La cooperazione euro-mediterranea è quindi l’unica strategia da perseguire per fronteggiare con successo l’approccio transnazionale imposto dai monopoli del comparto.

CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

Il progetto Chebec si basa su un pacchetto di servizi che punterà su formazione, consulenza e mentorship, azioni di mobilità ed eventi di matchmaking e Vouchers per l’Innovazione.

La formazione sarà erogata a favore di tutte le imprese che risponderanno al bando e verterà su imprenditorialità e della crescita in Europa. Consulenza, coaching e mentorship sono invece previste per dieci delle imprese selezionate tra quelle che avranno presentato domanda. Le azioni di mobilità ed eventi di matchmaking saranno rivolte a sei delle imprese individuate tra le dieci che avranno usufruito dei servizi di consulenza, coaching e mentorship.

Infine, i Voucher per l’Innovazione verranno erogati a favore di due imprese selezionate tra le sei che parteciperanno agli eventi di matchmaking e avranno un valore di 2.500 euro ciascuno. Essi hanno l’obiettivo di consolidare le collaborazioni avviate durante gli incontri transregionali.

VALUTAZIONE, FASI E SOSTEGNO ECONOMICO

Una commissione mista (Lazio Innova e Regione Lazio) selezionerà i progetti ritenuti validi, più maturi e a più elevato potenziale. Le Pmi ammesse al Programma dovranno produrre la documentazione che attesta il possesso dei requisiti richiesti, alla cui verifica è condizionata la concessione del contributo.

Il Progetto è suddiviso in quattro fasi. La Fase 1 prevede dalle quattro alle sei giornate di formazione in aula sulle tematiche “Imprenditorialità’” e “Crescita del proprio business in Europa” a cui parteciperanno gratuitamente tutti gli operatori che hanno presentato domanda.

La Fase 2 sarà dedicata alle consulenze personalizzate e attività di coaching e mentorship. Le aziende usufruiranno di questi servizi gratuitamente. Nella Fase 3, si prevede la partecipazione a incontri di match-making da parte di sei imprese individuate tra le dieci che hanno preso parte alla fase 2. Tutte le spese di viaggio saranno sostenute da Lazio Innova.

La Fase 4, infine, è quella di erogazione di vouchers. I vouchers prevedono il rimborso di spese collegate all’attività di crescita del business in Europa quali la partecipazione a fiere di livello internazionale o spese per consulenze e servizi. I rimborsi verranno erogati se verrà presentato il rendiconto delle spese sostenute (preventivi, fatture e quietanze di pagamento) ed una volta verifica la loro regolarità.

Approfondimenti

Link all’avviso di Lazio Innova – Bando e documentazione

 

Articoli correlati