“La volontà è ampliare la Settimana dei Musei. Sto già lavorando per fare ulteriori giornate gratuite l’anno prossimo e probabilmente faremo un secondo periodo di apertura totale però nella seconda parte dell’anno”. Lo ha detto il ministro per i Beni culturali, Alberto Bonisoli, parlando a margine di una visita al Foro Romano accompagnato dalla moglie e dalla direttrice del Parco archeologico del Colosseo Alfonsina Russo.

La risposta del pubblico all’iniziativa, secondo il titolare del Mibac, “è stata un buon segnale. Non si hanno mai tempo e determinazione per fare un investimento sulla propria preparazione culturale. Il solo fatto di poter utilizzare una mezza giornata per rivedere cose, penso che sia utile. Per me lo è stato, ed un’apertura per tutti quelli che vivono a Roma e nel resto d’Italia. Stamattina qui fuori c’era la coda. Non è certo un campionamento statistico, però aspettiamo la fine di questa settimana”.

L’atteggiamento degli enti locali ai cambiamenti introdotti, invece, è stato “a pelle di leopardo”, spiega Bonisoli. “Alcuni hanno sposato la Settimana dei Musei, altri hanno preferito, forse per pigrizia, non mettere in atto le procedure. Secondo me la soluzione è quella di insistere: dai e dai alla fine si crea un’aspettativa ed è quello su cui stiamo lavorando”. Il ministro ha poi annunciato che domani si recherà a visitare un altro sito culturale a Roma. “Ho già un’idea ma da confermare. Vorrei andare a Palazzo Venezia perché l’ho visto a ‘pezzi’ e mai come un monumento”.

LA SCALA

Bonisoli è poi tornato sulla possibilità che l’Arabia Saudita entri nel cda del Teatro alla Scala a fronte di una donazione di 15 milioni di euro. “Ho incontrato l’ambasciatore italiano in Arabia Saudita che mi ha ribadito quanto sia forte l’interesse di quel paese per la nostra cultura – ha affermato il ministro -. Nel merito non siamo entrati perché lui non era a conoscenza direttamente delle discussioni in atto con La Scala. Oggi dovrei avere un ulteriore punto di contatto con i nostri uffici che hanno chiesto delle minute dei consigli d’amministrazione della Fondazione. Non c’è però alcuna novità in particolare”.

Galleria fotografica:

 

Articoli correlati