La Regione Toscana ha pubblicato un bando per progetti congiunti di alta formazione attraverso l’attivazione di assegni di ricerca in ambito culturale. Si tratta di cento assegni biennali per la ricerca dell’importo annuale di 28 mila euro lordi ciascuno che coinvolgerà altrettanti giovani studiosi che non abbiano ancora compiuto i 36 anni di età. L’iniziativa accoglierà progetti presentati ‘obbligatoriamente’ insieme da almeno un’università o ente pubblico di ricerca e da un soggetto che appartiene alla rete regionale della filiera culturale e creativa. La misura rientra nel progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani “GiovaniSì“. Le domande potranno essere presentate entro il 10 giugno 2019.

LE FINALITÀ

Con il presente avviso Regione Toscana intende favorire la qualificazione del capitale umano e la sua occupabilità attraverso il finanziamento di percorsi di alta formazione tramite la ricerca.

Tali percorsi a qualificare i profili professionali e rafforzare l’occupabilità di giovani studiosi e ricercatori attraverso la partecipazione a progetti di ricerca applicata che permetta loro di integrare le conoscenze apprese in ambito accademico con nuove competenze acquisite in specifici contesti di esperienza.

A questo fine l’avviso cofinanzia, a valere sull’Asse A Occupazione (POR FSE 2014-2020 – Regione Toscana), assegni di ricerca per la realizzazione di progetti di ricerca condotti in collaborazione obbligatoria tra Università, Enti e Centri di ricerca operanti in Toscana e operatori della filiera culturale e creativa regionale.

Gli assegni di ricerca in ambito culturale sono finanziati con le risorse del POR FSE TOSCANA 2014-2020 e rientrano nell’ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

CHI PUÒ PRESENTARE DOMANDA

Possono presentare domanda di finanziamento gli Organismi di Ricerca – Università pubbliche, Istituti di istruzione universitaria ad ordinamento speciale ed Enti di ricerca pubblici, aventi sede legale o operativa in Toscana.

I PROGETTI DI RICERCA

I progetti dovranno essere riconducibili agli ambiti individuati dalla Piattaforma regionale di specializzazione “Tecnologie-Beni Culturali e Cultura” e prevedere sviluppi applicativi finalizzati a fronteggiare problemi tecnici, organizzativi, produttivi, gestionali e metodologici, che gli operatori della filiera culturale e creativa regionale si trovano ad affrontare, sviluppando soluzioni operative di potenziale interesse per l’utilizzo in analoghi contesti applicativi.

I progetti dovranno condurre a risultati in grado di supportare gli operatori della filiera culturale e creativa regionale nel perseguimento delle loro missioni istituzionali, di migliorare la sostenibilità sociale ed economica dei singoli operatori e della filiera in cui si inseriscono anche contribuendo alla comprensione della cultura toscana e a una sua adeguata interpretazione mediante una originale combinazione di contenuti, metodi, strumenti e linguaggi

COFINANZIAMENTO DEI PROGETTI DI RICERCA

I Progetti di Ricerca sono cofinanziati dal FSE per un importo che va da un minimo del 50% a un massimo del 90% del loro valore che corrisponde alla somma degli assegni previsti nei progetti. Per ogni progetto di ricerca finanziato possono essere attivati da uno a tre assegni di ricerca.

ASSEGNO DI RICERCA

L’assegno di ricerca, di durata biennale, avrà un valore di euro 28.000,00 al lordo degli oneri previdenziali, assistenziali e fiscali. Una volta approvata la graduatoria dei progetti di ricerca finanziati gli Organismi di ricerca effettueranno le selezioni degli assegnisti.

DESTINATARI DEGLI ASSEGNI

Potranno accedere agli assegni coloro che possiedono i seguenti requisiti:

  • essere titolari di laurea specialistica o di laurea vecchio ordinamento;
  • non aver già compiuto il 36mo anno di età alla data di presentazione della domanda di partecipazione al bando di selezione emesso dagli Organismi di Ricerca.

SCADENZA E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande devono essere presentate alla Regione Toscana – Settore DSU e sostegno alla ricerca, dal 7 marzo 2019, giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso sul BURT, fino al termine del 10 giugno 2019.

Le domande devono essere trasmesse tramite l’applicazione “Formulario di presentazione dei progetti FSE on line”.

Approfondimenti:

Leggi la documentazione

Leggi anche:

100 assegni per la ricerca culturale in Toscana, Barni: una misura innovativa e unica in Italia

Toscana, 100 ricercatori per la cultura: dalla Regione 4,7 mln nel 2019

Articoli correlati