Leonardo Da Vinci un genio, un artista, ma non solo. Anche cuoco, agricoltore, e il primo a inserire i tovaglioli in un dipinto. La descrizione, certamente originale, di un Leonardo che va oltre le sue già ben note qualità, viene dal ministro delle Politiche agricole e del Turismo, Gian Marco Centinaio, che ha partecipato alla presentazione delle iniziative in occasione delle celebrazioni dei 500 anni dalla morte del genio italico.

"Tutti noi conosciamo Leonardo come un genio, ma è anche l'esempio del mio Ministero. È stato infatti un cuoco con la passione della cucina e della sperimentazione anche in questo campo: utilizzando spezie mai usate prima. È stato però anche un agricoltore studiando come migliorare la produzione della sua vigna. Leonardo infine è stato anche il primo a mettere i tovaglioli in un'opera d'arte". Non va dimenticato poi che Leonardo "è stato un grandissimo viaggiatore, amava scoprire nuovi luoghi, nuove persone e culture".

L'APP LEONARDO 500

Centinaio ha poi evidenziato la realizzazione da parte del suo Ministero di un'applicazione dedicata agli eventi per le celebrazioni. "Tanti turisti girano il mondo e sono esploratori e hanno voglia di conoscere cose nuove e diverse". Per questo, "oltre alla consueta promozione delle iniziative, abbiamo costruito un'app - 'leonardo500' - che i potenziali turisti potranno utilizzare per controllare in tempo reale le iniziative sul territorio nazionale: luoghi, tempi, orari e altre informazioni". Si tratterà di "un'app non statica, con una redazione che lavorerà costantemente sull'aggiornamento dei contenuti. Un'app, ovviamente, in più lingue".

 

Articoli correlati